È in arrivo il vaccino per l'allergia al cane

·2 minuto per la lettura

Essere allergici ai cani è una vera sofferenza.

Soprattutto per chi ama la compagnia del migliore amico dell'uomo.

Tuttavia, un aiuto potrebbe essere a portata di mano. I ricercatori hanno identificato dei candidati per parti delle molecole che compongono gli allergeni del cane che potrebbero fornire un vaccino per l'allergia al cane.

Nel corso degli anni, gli scienziati sono stati in grado di identificare sette diversi allergeni canini, ma solo uno, Can f 1, è responsabile della maggior parte (50-75%) delle reazioni nelle persone allergiche ai cani. Si trova nel tessuto della lingua dei cani, nelle ghiandole salivari e nella pelle.

I ricercatori devono ancora identificare in modo specifico gli epitopi IgE di Can f 1: quelle parti specifiche degli antigeni che stimolano una risposta immunitaria. Ora, poiché hanno trovato buoni candidati, stanno spingendo per sviluppare vaccini incentrati sull'epitopo Can f 1.

«Vogliamo essere in grado di presentare piccole dosi di questi epitopi al sistema immunitario per addestrarlo ad affrontarli, in modo simile al principio alla base di qualsiasi vaccino», afferma Takashi Inui, specialista in ricerca sulle allergie e professore all'Università della Prefettura di Osaka , nonché autore principale dello studio.

«Ma non possiamo farlo senza prima identificare l'epitopo IgE di Can f 1».

Per determinare la struttura della proteina Can f 1 nel suo insieme, la prima volta che ciò è stato fatto, i ricercatori hanno utilizzato la cristallografia a raggi X. E poiché hanno trovato una serie di "residui" che sono buoni candidati per l'epitopo IgE, i loro risultati suggeriscono che lo sviluppo di un vaccino ipoallergenico contro Can f 1 - un vaccino per l'allergia del cane - è alla nostra portata.

La produzione di un vaccino ipoallergenico mediante l'uso di tali epitopi sarebbe una prima mondiale in materia di allergie canine e anche un'iniziativa rara rispetto a qualsiasi reazione allergica. Se il lavoro dei ricercatori venisse effettivamente utilizzato per sviluppare un vaccino contro l'allergia nei cani, presto potrebbero essere creati trattamenti simili per evitare altre allergie.

I loro risultati sono stati pubblicati nella Federation of European Biochemical Societies.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli