È giusto lasciar dormire i bebè e non svegliarli?

·3 minuto per la lettura
perché è meglio lasciar dormire i bebè
perché è meglio lasciar dormire i bebè

Innanzitutto è bene chiarire che non tutti i bambini sono uguali. Ci sono bambini attivi, dormiglioni e le vie di mezzo. D’altronde, il fabbisogno di sonno varia da caso a caso. Quando il piccolo dorme un po’ di più, poi, arrivano le preoccupazioni: forse sta dormendo troppo, forse qualcosa non va, e così via. Perché non svegliare i neonati: cosa bisogna sapere.

Perché non svegliare i neonati

Pensare che il sonno del bambino sia simile a quello dell’adulto è un’idea molto diffusa ma, allo stesso tempo, sbagliata. Il sonno, infatti, è un fenomeno complesso, che si evolve e si modifica durante la crescita. Nei primi mesi di vita passiamo circa il 70-80% del tempo dormendo: le ore di sonno per il neonato sono circa 15-20 ore al giorno.

Se il bambino fa almeno 8 poppate al giorno, se bagna regolarmente i pannolini di pipì chiara, se le scariche di feci sono come minimo 3 o 5 (i ritmi variano da soggetto a soggetto), se il bambino cresce bene, è in salute, reattivo e si fa sentire quando ha fame, allora lasciate dormire il bambino in pace.

Infatti, con molta probabilità questo sonno particolarmente lungo non sarà la nuova regola del piccolo ma una semplice eccezione.

Perché non svegliare i neonati: le ore di sonno

Ricordando che ogni bambino è a sé, è possibile affidarsi ad alcune linee guida.

Fino a tre mesi i bambini dormono circa 16-17 ore al giorno. Si tratta, però, di un valore medio. I bambini in questa fase sono svegli per massimo un’ora e mezza nell’arco della poppata. Non appena il bambino distoglie lo sguardo, diventa irrequieto, inizia a sbadigliare o a strofinarsi gli occhi, bisogna rimetterlo a letto.

A circa quattro mesi, il ritmo di veglia-sonno sarà molto più prevedibile. In questo periodo i bambini dormono per circa 15 ore in totale e sono svegli per circa un’ora e mezza tra i pisolini durante il giorno. Un bambino di sei mesi dormirà circa 14 ore al giorno, con un pisolino al mattino e uno pomeridiano.

Un bambino di sette mesi dorme in genere 2-3 ore durante il giorno e 11 ore durante la notte. Tra un pisolino e l’altro, potrebbe essere sveglio tra le due e le due ore e mezza. A circa nove mesi, molti bambini non amano essere lasciati soli di notte. Potrebbe capitare che il bambino non si addormenti facilmente. Il piccolo ha vissuto tante esperienze durante il giorno ed è impegnato a elaborarle tutta la notte.

Perché non svegliare i neonati: educazione al sonno

Arriva un momento in cui si può cominciare a svegliare il bambino, in virtù dell’inizio di un periodo della vita in cui vanno messe delle regole che aiutano la buona crescita del piccolo.

Dal terzo mese in poi, infatti, è possibile educare i più piccoli a un sonno regolare. Iniziare a stabilire delle regole nei primi mille giorni di vita del bambino è fondamentale. Inoltre, l’ausilio della melatonina può essere previsto e accettabile in determinati casi specifici.

Diversi studi hanno inoltre cercato evidenze sulla correlazione tra numerosità e profondità dei pisolini postprandiali con la qualità e durata del sonno notturno: il risultato è che si trovano dati contrastanti per cui non è possibile generalizzare.