"È possibile guarire dall’ansia da soli?" è forse la domanda che ci facciamo (tutti) di più

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Malte Mueller
Photo credit: Malte Mueller

È possibile guarire dall’ansia da soli? Guarire dall’ansia si può, guarire dall’ansia da soli.. dipende. L’ansia è una compagna che frequenta assiduamente molte persone. In alcun casi si presenta in giornate stressanti lo fa comprensibilmente: l’esame della patente, l’inizio di un nuovo lavoro, un colloquio col proprio capo, l’uscita con una persona che ci piace o con un ex. Per molte persone però l’ansia è presente nell’agenda quotidiana senza fattori scatenanti, senza sollecitazioni apparenti o in contrasto con la nostra razionalità o con quello che vorremmo fare. In questi casi le persone cercano di attivarsi con rimedi autonomi, creativi e nella maggior parte dei casi sani.

Prendersi cura della propria ansia da soli significa attivarsi per trovare un modo più sereno per affrontare le situazioni che ci agitano.

La prima modalità è prendersi un tempo per vivere con maggior calma e serenità le situazioni ansiogene. Un altro tentativo è la pratica di esercizi di rilassamento, che per sortire degli effetti deve essere eseguita spesso e con costanza. Altri tentativi con cui le persone affrontano da soli e in autonomia la propria ansia è trovare persone con difficoltà simili con cui confrontarsi e vedere come hanno risolto le proprie difficoltà. Scrivere e dedicarsi ad altri hobby rilassanti (in particolare quelli in cui si può creare concretamente qualcosa) è un altro modo con cui provare a tirare fuori i propri pensieri, sebbene non sempre la mera disamina in solitudine dei propri tormenti aiuti nella comprensione di sé stessi. Infine l’attività fisica, per l’ansia ma anche per altri subbugli dell’anima, aiuta in modo davvero efficace. Pianificare per tempo, stare nella natura, confidarsi con gli amici più cari e dormire molto bene sono altri metodi efficaci per affrontare la ansie quotidiane.

A volte però questi tentativi di auto aiuto non bastano. Anzi rischiano di peggiorare il problema: pensiamo a quando il tempo che ci prendiamo per affrontare una situazione ansiogena diventa procrastinazione o addirittura evitamento. Oppure quando il continuo riflettere in solitudine diventa un’ossessione e il pensiero sembra arrotolarsi su sé stesso. O quando i consigli degli amici ci agitano ancora di più. Consigli di buon senso come “cerca di uscire un po’” o “stai in compagnia” o “cerca di non pensarci” lasciano il tempo che trovano, fanno sentire le persone ansiose solo un po’ più sole e non capite.

Banalizzare l’ansia non va bene. Quando il corpo ci parla attraverso il cuore che batte e una sensazione di peso e soffocamento, non bisogna banalizzare. Il fatto che sia un fastidio che non si vede non è una ragione per non affrontare la situazione seriamente. Quando l’ansia raggiunge un livello significativo, la persona può sentire beneficio dalle attività che abbiamo elencato prima, ma il beneficio è temporaneo, ridotto, e la persona torna presto nel precedente stato ansioso. Ad esempio può trarre beneficio da una corsa sfiancante e da una doccia rigenerante ma mezz’ora dopo essere di nuova attaccata al telefono nel tentativo di trovare sollievo dal problema che la assilla. Ecco, questo è il momento in cui dovete sentirvi autorizzati a chiedere un aiuto esterno.

Il motivo per cui cercare una soluzione fuori, parlando con un terzo esterno, è che difficilmente chi è immerso nella situazione riesce a vederne con chiarezza gli snodi problematici. Chiedere un aiuto esterno non significa prendere farmaci o stare in terapia a vita, ma affidarsi a professionisti (come lo psicologo) in grado di consigliarti al meglio, soprattutto per chi soffre di ansia in modo cronico, cioè chi si sente ansioso "da sempre".

Lara Franzoni è Psicologa e Psicoterapeuta familiare "Molti dei malesseri che colpiscono le persone hanno a che fare con le loro relazioni, spesso di coppia. Mi occupo di sostenere la coppia e i singoli individui ogni volta che una relazione porta momenti di cambiamento nella vostra vita". La trovate su www.psicologiadicoppia.com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli