È possibile rimanere incinta pur essendo in menopausa precoce?

·3 minuto per la lettura
menopausa precoce e gravidanza
menopausa precoce e gravidanza

La menopausa precoce è il momento in cui la fase fertile della donna si esaurisce prima dei 40 anni di età. Normalmente la menopausa si presenta tra i 48 e i 54 anni, se avviene prima dei 40 si parla di menopausa precoce. Si stima che una donna su 100 vada incontro a una menopausa precoce.

Menopausa precoce e gravidanza

Si è in menopausa quando l’assenza di mestruazioni si protrae per almeno 12 mesi consecutivi, passati i quali non è possibile rimanere incinte in maniera naturale.

Le cause di una menopausa precoce, detta POF (premature ovarian failure), ossia un’insufficienza ovarica precoce, possono essere di vario tipo:

– genetiche: nel 30% dei casi è stato riscontrato un evento simile in famiglia;

– chirurgiche: quando ci si sottopone a interventi chirurgici come l’isterectomia, che compromettono la possibilità delle ovaie di continuare a produrre ovociti;

autoimmuni: con la produzione di anticorpi contro le proprie ovaie;

– mediche: quando ci si sottopone a terapie farmacologiche che compromettono la funzionalità ovarica, come la chemioterapia o la radioterapia ad esempio.

I sintomi della menopausa precoce

I sintomi della menopausa precoce sono gli stessi della menopausa normale: vampate di calore, sbalzi di umore e assenza di ciclo mestruale.

L’infertilità in una donna con meno di quarant’anni è un problema ulteriore da affrontare in questa condizione, e deve mettere in allarme se si vuole avere figli, prima che scompaiano completamente le possibilità di procreare naturalmente.

Menopausa e gravidanza

La donna in menopausa precoce smette di avere le mestruazioni e non può quindi rimanere incinta. si può parlare di menopausa precoce e gravidanza se in realtà l’assenza di mestruazioni non ha superato i 12 mesi, e quindi si è tecnicamente ancora in premenopausa; in questa condizione, in rari casi, nel 5-10%, si può verificare l’ovulazione anche in menopausa precoce, rendendo quindi possibile una gravidanza naturale. Ma la possibilità di aborto spontaneo è molto più alta.

Se invece si è alla ricerca di una gravidanza e si sono riscontrate irregolarità mestruali e sintomi tipici della menopausa, bisogna ricorrere alla fecondazione in provetta prima che la funzionalità ovarica sia completamente esaurita.

Nel caso in cui la funzionalità ovarica sia completamente esaurita, se si vuole procreare bisogna ricorrere alla fecondazione in provetta, ma con donazione di ovuli.

Quali test fare?

Se si è in menopausa precoce e si è alla ricerca di un figlio, meglio sottoporsi a dei test diagnostici per scegliere il trattamento più adeguato.

La diagnosi di una insufficienza ovarica precoce, fatta in maniera tempestiva ai primi sintomi, permette di effettuare trattamenti come la fecondazione in vitro nei centri specializzati e arrivare in tempo prima che sia esaurita la funzionalità ovarica.

I segnali che dovrebbero far pensare a una possibile menopausa precoce sono irregolarità mestruali spesso accompagnati da sbalzi di umore e vampate.

I test diagnostici e genetici permettono di individuare gli ovociti sani e impiantarli per portare avanti una gravidanza anche in una situazione di menopausa precoce, se diagnosticata in tempo.