Milano Moda Donna in versione 100% digital

Di Federica Caiazzo
·5 minuto per la lettura
Photo credit: Tullio M. Puglia - Getty Images
Photo credit: Tullio M. Puglia - Getty Images

From ELLE

Sarà un calendario sfilate 100% digitale quello della Milano Fashion Week di febbraio 2021, a dimostrazione che – ancora una volta – la moda riesce a colpire nel segno adattandosi, rielaborandosi e prestandosi a forme di comunicazione figlie della nostra era, nonostante e per le attuali restrizioni da coronavirus. Le collezioni moda Autunno Inverno 2021 2022 saranno presentate dal 23 febbraio al 1° marzo, in un calendario ricco e che parla già per sé: 61 sfilate, 57 presentazioni (molte delle quali anche su appuntamento) di cui 15 fisiche e 42 digitali, e 6 eventi. Per un totale complessivo di ben 124 appuntamenti che – come sottolineato da Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana – “testimoniano ancora una volta un approccio di grande flessibilità, che ha spinto tutti gli attori dell’industria della moda a sperimentare nuovi linguaggi espressivi e a cercare modi alternativi per promuovere e distribuire le grandi creazioni che contribuiscono a rendere questa settimana unica nel panorama internazionale”.

MFW 2021: il calendario

Il ricco calendario di questa edizione di Milano Moda Donna – commenta l’Assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive, Moda e Design, Cristina Tajani – dimostra come sia tanta la voglia da parte delle maison e degli operatori di raccontare al mondo, ieri attraverso le sfilate e oggi attraverso la rete e il digitale, il nostro gusto del bel bello e del ben fatto oltre alla nostra grande maestria artigiana”. Le sfilate e gli appuntamenti nel calendario 100% digitale della settimana della moda di Milano potranno essere infatti seguiti su milanofashionweek.cameramoda.it, piattaforma digitale di CNMI che ospiterà anche una sezione dedicata agli Showroom virtuali, multi-brand e monomarca.

Non mancheranno inoltre incontri virtuali tra designer e buyer “provenienti” da altre parti del mondo.“Ad un anno esatto dall’inizio della pandemia – prosegue Cristina Tajani, - l’intero mondo del fashion sta sperimentando nuovi modi di mostrarsi, raccontarsi e proporsi grazie a nuovi linguaggi comunicativi ma soprattutto a innovative modalità produttive, sempre più attente al riuso dei materiali e al riciclo, in un’ottica di circolarità e sostenibilità complessiva che va dal filato al prodotto finito. Come Amministrazione, siamo sempre al fianco di Camera Moda e di tutte le aziende che fanno innovazione, perché la moda è l’intero comparto del fashion sono e rimangono soprattutto ricerca nei materiali, nelle forme e nei linguaggi”.

MFW 2021: i nuovi designer

“Sono molto felice di vedere anche per questa Fashion Week la partecipazione di molti nostri soci e la presenza di nuovi brand, a sottolineare l’importanza e la valenza della settimana della moda di Milano sia pure in un momento così difficile per la nostra industria”, ha dichiarato Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana. A esattamente un anno dalla (resiliente) sfilata di Giorgio Armani – ultima nella brusca interruzione della MFW di febbraio 2020 proprio a causa del diffondersi del Covid-19 – la nuova edizione della settimana della moda di Milano è portavoce di un progetto di ripartenza già iniziato lo scorso settembre, prova tangibile della grande capacità d’animo del capoluogo lombardo.

I primi a credere nella forza di un calendario 100% digitale sono stati proprio i designer che hanno scelto Milano per la prima volta. Nel calendario sfilate debutteranno infatti: Brunello Cucinelli, Alessandro dell’Acqua x Elena Mirò; Del Core; Onitsuka Tiger; Fabio Quaranta; Dima Leu; Münn; Budapest Select; Alessandro Vigilante; Giuseppe Buccinnà e CHB. Non mancheranno esordi anche nel calendario presentazioni, che vanterà la presenza di: Moorer; Gonçalo Peixoto; Alabama Muse; Bacon; Push Button for Fila Korea; Peserico; Yatay; Oof Wear; REVENANT RV NT; AC9; Des Phemmes e Nervi. ACT N°1 e Marco Rambaldi saranno invece in calendario con il supporto della Camera moda Fashion Trust.

Photo credit: NurPhoto - Getty Images
Photo credit: NurPhoto - Getty Images

MFW 2021: l’omaggio di apertura e il focus multiculturale

Memoria, inclusione, multiculturalità. Sulla scia dei numerosi eventi che, oltre al Covid-19, hanno drasticamente segnato il corso del 2020 (si pensi anche al movimento attivista Black Lives Matter), la MFW si focalizzerà ancor di più su valori chiave mirati a un’ancor più sentita sensibilizzazione. Prima spazio alla memoria: questa edizione di MFW - realizzata in collaborazione con Confartigianato Imprese e con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di ICE-Agenzia - vedrà un’apertura dedicata a Beppe Modenese, Presidente Onorario della Camera Nazionale della Moda Italiana scomparso il 21 novembre 2020.

L’omaggio avverrà attraverso un video prodotto da The Blink Fish, curato e diretto da Beniamino Barrese e già regista del documentario La scomparsa di mia madre presentato al Sundance Film Festival e candidato agli European Film Awards 2019. A seguire, il calendario decollerà con l’evento digital WE ARE MADE IN ITALY - The Fab Five Bridge Builders curato da Stella Jean, Edward Buchanan, Michelle Francine Ngonmo e CNMI: inclusione e multiculturalità saranno i temi/cuore pulsante del progetto, realizzato con l’intento di supportare coloro che la CNMI ha voluto definire “cinque POC (people of color) talents”, ovvero: Joy ljeoma Meribe - MODAF DESIGNS; Karim Daoudi - KARIM DAOUDI; Claudia Gisèle Ntsama - GISFAB; Fabiola Manirakiza - FRIDA-KIZA; Pape Mocodou Fall alias Mokodu – MOKODU.

Photo credit: Jacopo M. Raule - Getty Images
Photo credit: Jacopo M. Raule - Getty Images

MFW 2021: il calendario sfilate giorno per giorno

24 febbraio 2021: A Tribute to Beppe Modenese; WE ARE MADE IN ITALY (Black Lives Matter in Italian Fashion - Collettivo); Missoni; Simona Marziali; Calcaterra; Giuseppe Buccinnà; Alberta Ferretti; Fendi; N°21; Del Core; Brunello Cucinelli; Fabio Quaranta; Human By Polimoda

25 febbraio 2021: Max Mara; Genny; Blumarine; Vìen; Andrea Pompilio; Dima Leu; Anteprima; Prada; Moschino; Emporio Armani; Luisa Beccaria; Daniela Gregis; GCDS.

26 febbraio 2021: Marco Rambaldi; MÜNN; Budapest Select; Antonio Marras; Act N°1; Vivetta; Etro; Tod's; Assegnato; Francesca Liberatore; Alessandro Vigilante.

27 febbraio 2021: Sportmax; Gabriele Colangelo; Onitsuka Tiger; Alessandro Dell'Acqua x Elena Mirò; Giorgio Armani; Ermanno Scervino; Salvatore Ferragamo; Philosophy di Lorenzo Serafini; Cividini; Anakiki; Laura Biagiotti.

28 febbraio 2021: Shuting Qiu; Maison Margiela, DSquared2; Drome; Fila; Emilio Pucci; Gilberto Calzolari; CHB; Elisabetta Franchi

1 marzo 2021: Ports 1961; MSGM; Valentino; Dolce & Gabbana.

*Le sfilate di Sunnei e Alexandra Moura sono in attesa di assegnazione. Ulteriori dettagli sono disponibili su www.cameramoda.it