È vero che non è sicuro per i bambini nuotare subito dopo aver mangiato?

·2 minuto per la lettura
Nuotare dopo aver mangiato
Nuotare dopo aver mangiato

Nuotare subito dopo aver mangiato non è pericoloso, ma potrebbe provocare fastidiosi crampi allo stomaco. Questo discorso vale anche nel caso in cui il bambino dovesse frequentare un corso di nuoto.

Nuotare dopo aver mangiato: è pericoloso per i bambini?

Da tempo i genitori consigliano ai bambini di aspettare almeno 30 minuti dopo aver mangiato prima di tornare in acqua. Forse vi hanno detto che è perché nuotare a stomaco pieno può causare forti crampi e portare all’annegamento. Tuttavia, non ci sono prove a sostegno di un tale avvertimento.

Dopo aver mangiato, il corpo dirige il sangue allo stomaco per aiutare la digestione, quindi è concepibile – anche se improbabile – che nuotare a stomaco pieno possa causare crampi. Ma contrariamente alla credenza popolare, un doloroso crampo allo stomaco non fa affogare e non è così pericoloso.

La Croce Rossa raccomanda di usare il buon senso quando si tratta di nuotare dopo aver mangiato. Aspettate che il vostro bambino sia a suo agio prima di lasciarlo rientrare in acqua. Impegnarsi in attività faticose subito dopo aver mangiato può portare a crampi, nausea e vomito. E se è fiacco o stanco dopo aver mangiato, non farà male lasciarlo riposare prima.

Nuotare dopo aver mangiato pericoloso
Nuotare dopo aver mangiato pericoloso

Paura dell’acqua: come affrontarla

Molti bambini (e adulti) hanno paura dell’acqua, e per ragioni comprensibili. Per i più piccoli, stare in acqua può dare la sensazione di non avere confini chiari intorno a loro, e questo può essere spaventoso e travolgente. Quindi, qualsiasi cosa facciate, non costringete mai vostro figlio a entrare in acqua.

Per ora, lasciate che mantenga le distanze. Potete giocare e divertirvi sul bordo dell’acqua per mostrargli quanto possa essere divertente, ma non chiedetegli di entrare da solo. Se vi vede divertirvi, potrebbe chiedere di unirsi a voi tenendovi per mano. Se lo fa, lasciategli prendere l’iniziativa. Se sembra nervoso e decide che ne ha abbastanza dopo pochi minuti di gioco in acqua, allora lasciatelo tornare su un terreno sicuro.

In alternativa, potete accompagnarlo sul bordo dell’acqua e incoraggiarlo a liberare la sua ansia gridando e scappando dalle onde che gli lambiscono i piedi. In questo modo, riconosce la sua paura in modo divertente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli