17 bimbi in affido e 2 adozioni in 5 anni, la storia straordinaria di una mamma single with love

Di Monica Monnis
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Elvira Zhiltsova / EyeEm - Getty Images
Photo credit: Elvira Zhiltsova / EyeEm - Getty Images

From ELLE

"I bambini hanno bisogno di famiglie disponibili non perfette" è il mantra di Katie Holstein, una giovane ragazza del Kentucky, coraggiosa, determinata, e in grado di insegnare tanto a tutti, grazie alla sua incredibile generosità. La sua storia raccontata sulle pagine di People ha fatto il giro del mondo seguendo una diffusione pandemica, che in questo unico caso, è una super good news. Perché Katie ha 28 anni e dal 2015 ha preso in affido 17 bambini, molti dei quali neonati, e ne ha adottati 2, tra cui una ragazza di 17 anni che ormai aveva perso le speranze di trovare una famiglia.

La sua "avventura" da mamma single inizia cinque anni fa con l'affido temporaneo di tre fratelli: un neonato, un bambino di un anno e una bambina di due anni. Per un periodo, Katie si prende cura di loro, prova per la prima volta il calore nel cuore nel sentirsi chiamare “mamma”, la preoccupazione per la febbre che non scende, il trauma delle notti insonni. E così per altre 14 volte. "Non mi pento di aver detto di sì all'affido di nessuno dei miei bambini, anche sapendo che un giorno se ne sarebbero dovuti andare. Non rimpiango nessuno dei giorni che abbiamo passato insieme o il pezzo di cuore che hanno portato con loro, anche se fa male", ha scritto in un post sul suo account Instagram riuscendo a rendere perfettamente il sapore dolceamaro dell'accogliere e crescere un bambino per un periodo temporaneo, in attesa che venga adottato.

Ma a gennaio 2019, la sua vita cambia: questa volta le viene chiesto di adottare un bambino prematuro di nome Thomas, ricoverato in terapia intensiva neonatale e abbandonato dai genitori. Katie ha paura ma la gioia è grandissima. Inizia così le procedure di adozione e dopo vari rallentamenti dovuti al suo status di madre single aggravati dalle restrizioni legate al Covid, il 18 giugno diventa legalmente la madre del piccolo. Ma il destino ha in serbo per lei una nuova sorpresa e, parallelamente all'affido di Thomas e alla sua successiva adozione, Katie riceve la proposta di accogliere per un breve periodo una ragazza adolescente di nome Akyra. La 17enne torna a casa di Katie più volte ma sempre per soggiorni brevi (l'ultimo affidamento nel marzo 2020). Ultimo perché, poco prima di compiere 18 anni, Katie decide di adottarla. "È quasi troppo bello per essere vero, con tutti gli altri genitori adottivi ho sempre dovuto soddisfare le loro aspettative mentre con Katie posso essere me stessa", ha detto Akyra a People, "non importa quello che hai passato, non mollare mai, perché anche a 18 anni può esserci speranza".

"Non so come sarà quest'anno per noi. Se decideremo che la nostra famiglia è al completo così com'è, se resterò aperta alla possibilità di allargare la famiglia o se dirò di nuovo di sì quando squillerà il telefono", ha spiegato Katie come riporta Love What Matters, "ma spero che la nostra storia ispiri più persone ad aprire le loro case per crescere altri bambini", perché "non devi avere tutto e non devi aspettare il momento giusto, sicuramente ci sono bambini nella tua comunità che hanno bisogno di un posto sicuro e amorevole per crescere".