I 3 errori da non fare mai con gli addominali, secondo i professionisti

Di Redazione
·1 minuto per la lettura
Photo credit: Photo by Arun Sharma on Unsplash
Photo credit: Photo by Arun Sharma on Unsplash

From Esquire

Lavorare sugli addominali è una pratica più sofisticata del previsto, non basta spaccarsi di crunch sul tappetino, bisogna sapere come muoversi e sapere quali sono i muscoli dell'addome che si vanno a coinvolgere.

Quello che bisogna sapere, soprattutto, è quello che non si deve fare. Gli errori che spesso si commettono durante questo tipo di esercizi sono diversi e a volte poco intuitivi. Per questo motivo vi riveliamo i tre principali, che vi aiuteranno a raggiungere i vostri obbiettivi nella maniera più corretta e immediata possibile.

Photo credit: Paper Boat Creative - Getty Images
Photo credit: Paper Boat Creative - Getty Images

Il collo

Molte persone che si sforzano per sollevarsi negli esercizi per addominali tendono a partire dal collo, come se fosse la clavicola a portarsi dietro il peso di tutto il resto. Invece il movimento deve partire dal retto addominale e portarsi dietro il movimento controllato di braccia, spalle, schiena e testa.

Movimenti veloci

Un altro errore classico è sollevare il corpo con sforzi scomposti, troppo veloci, che con strattoni rischiano di creare strappi, lesioni o che nella migliore delle ipotesi ci portano a effettuare un lavoro scorretto. Il movimento va controllato e fatto lentamente.

Scaricare sui lombi

Quando il carico di lavoro è eccessivo è normale che lo sforzo arrivi sulla schiena e sui lombi provocando dolore. Probabilmente accade quando siamo arrivati troppo avanti con la nostra scheda di esercizi e il nostro corpo non è ancora pronto. La soluzione migliore è diluire il numero di ripetute, facendo più serie con meno ripetizioni.