5 comfort wine per superare l'inverno

Di Bruno Petronilli
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Photo by Terry Vlisidis on Unsplash
Photo credit: Photo by Terry Vlisidis on Unsplash

From Esquire

Se tutto ciò che possiamo fare ora è trascorrere le serate sul divano, meglio se al fianco di un camino acceso mentre fuori imperversa il freddo invernale, tanto vale trascorrere questo tempo al meglio in compagnia di un vino dal gusto caldo e morbido. Sono i comfort wines, rigorosamente rossi, che ti coccolano, coinvolgenti con i loro profumi ammalianti e la loro pienezza di gusto. Godiamoci la loro struttura, ma apprezziamo anche la loro complessità ed eleganza.

Brunello di Montalcino Docg 2015 Carpineto

Una grande azienda con 5 tenute nelle zone più vocate e famose della Toscana: Carpineto è sinonimo di qualità. Il Brunello di Montalcino 2015 è un perfetto comfort wine, dall’aroma intenso e fine, profumi di marasca sotto spirito, caffè, sottobosco ed eleganti riflessi agrumati. Al palato è deciso, con un tannino marcato ma equilibrato, un frutto dolce e persistente, grande pulizia e morbidezza.

Nero d’Avola Lamùri Tasca d'Almerita 2018

Da una delle più storiche aziende siciliane, un Nero d’Avola che porta già nel nome il suo carattere coinvolgente, appagante e carezzevole. “Lamuri”, ossia “l’amore”, ostenta un bouquet fatto di frutta rossa, ciliegia, marasca e cioccolato fondente. Un vino dal sorso pieno e, nello stesso tempo, di grande bevibilità, che saprà scaldare anche i cuori più duri.

Oratorio di San Lorenzo Riserva 2015 Inama

Inama, una luminosa realtà dei Colli Berici, da sempre esempio di vini iconici, dallo stile originale e dal carattere ineguagliabile. L’Oratorio di San Lorenzo Riserva, 100% Carmenere Riserva, è il vertice della produzione dei rossi Inama, prodotto solo nelle annate migliori da parcelle selezionate. L’aroma è esplosivo, parla di frutta rossa matura, di una viola raffinatissima, di tamarindo, di spezie, di eleganti riflessi ematici. Al palato è materico, polposo, a tratti granitico ma sempre di grande freschezza.

Sfursat Fruttaio Cá Rizzieri 2015 Aldo Rainoldi

Un’azienda storica, un vino straordinario, il principe della Valtellina, quello Sforzato, o Sfursat, che porta sempre nel calice il segno dell’appassimento delle uve. Lo Sforzato di Aldo Rainoldi seduce, avvolge e porta armonia, grazie all’equilibrio tra la struttura importante e la sua parte tannica sempre fine ed elegante. Un’icona, un mito lombardo: un vino immancabile.

Trefiano Carmignano Riserva 2015 Capezzana

Chiudiamo tornando in Toscana, in una Denominazione troppo spesso in ombra rispetto ai mostri sacri come Montalcino, Chianti o Bolgheri, ma che se sa regalare vere emozioni come questo Trefiano, Carmignano Riserva, firmato da una straordinaria azienda come Capezzana. L’aroma è fresco e fruttato, franco e vigoroso, ammaliante nei frutti rossi, nella viola e nel floreale. Profumi di eleganti e di grande equilibrio che in evoluzione regalano nuance di cioccolato e Mon Chéri. Al palato è ampio, avvolgente, con un tannino vellutato e deciso, in un quadro di notevole e affasciante purezza.