"Abbiamo perso mia madre e il compagno di mia figlia": l’anno difficile di Ornella Muti in pandemia

Di Elisabetta Moro
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Anadolu Agency - Getty Images
Photo credit: Anadolu Agency - Getty Images

From ELLE

"Per noi la pandemia è cominciata prima del Covid-19 con la morte del compagno di mia figlia Carolina", racconta Ornella Muti al Corriere della Sera. Il 2020 è stato l'annus horribilis per eccellenza e questo sembra valere anche per l'attrice romana, 66 anni appena compiuti, che ha vissuto mesi costellati da perdite e momenti difficili, aggravati dal distanziamento sociale causa Covid-19. "Nei mesi scorsi ho perso mia madre", aggiunge infatti, "È stato veramente pesante". E noi non possiamo che dirle che la capiamo bene e che anche noi, come lei, vorremmo solo che questo periodo finisse.

GUARDA ANCHE - Chi è Naike Rivelli

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Per la famiglia Rivelli-Fachinetti tutto è iniziato poco più di un anno fa quando ancora la parola "pandemia" era relegata nei film di fantascienza post apocalittici. Carolina Fachinetti, secondogenita di Ornella Muti ha detto addio al suo compagno e padre dei suoi figli Andrea Longhi, malato di tumore al cervello. "Ti ricordo così. Troppo poco tempo insieme, ma intenso", ha scritto su Instagram l'allora trentaseienne mamma di Alessandro (nato nel 2014) e Giulia (nata nel 2016). "Il dolore più grande è stato vedere mia figlia Carolina stare male", ha raccontato Muti ospite di Oggi è un altro giorno, "In quei giorni abbiamo riscoperto la centralità della famiglia, abbiamo compreso che ognuno avrebbe sempre potuto contare sull’altro". "Del dolore e del dramma non posso parlare", ha aggiunto poi, "perché morirei subito, ma per me vedere mia figlia così toccata è molto dura. Vedere i miei nipoti, è dura, ma ti dà la forza di capire l’importanza della famiglia".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Poi è arrivata la pandemia e, come ben sappiamo, con il distanziamento sociale tutto è peggiorato: il Covid-19 è andato a esacerbare le difficoltà che già avevamo. A ottobre Ornella Muti ha dovuto dire addio a sua madre Renate Krause che si è spenta a 91 anni causando un altro profondo dolore a tutta la famiglia. Muti l'ha ricordata su Instagram con un post con un cuore spezzato mentre i nipoti hanno postato foto e dediche in ricordo della nonna. In tutto questo a febbraio Carolina ha contratto il Covid e ha dovuto restare in isolamento. "Sono terrorizzata", ha commentato Ornella Muti a Domenica In, "non si può vivere così. Sono molto angosciata per questa situazione, è uno stress che sento ogni giorno. Quello che più mi terrorizza è che Carolina, di tutta la nostra famiglia, è stata la più prudente e attenta a rispettare le misure anti contagio. Ho paura per me e per i miei figli, è un grande dolore saperla lontana e non poterla raggiungere".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Muti ha anche detto di volersi vaccinare il prima possibile. "Non vedo l’ora", ha spiegato, "Mi vorrei vaccinare altrimenti non si può lavorare, né vivere". Di questo anno terribile, però, rimangono anche delle note positive (per chi le sa cogliere): a 66 anni l'attrice è nel cast di The Christmas Show di Alberto Ferrari per Viva Productions. "Abbiamo appena finito le riprese in Puglia", racconta al Corriere della Sera, "È una commedia natalizia pulita, divertente, un po’ fantasy ma anche collegata alla realtà. In più con un tocco speranza. Quella che non abbiamo quasi più" aggiunge con amarezza. Lei però dà fiducia nel futuro senza rimpianti e con la voglia di reinventarsi sempre, al di là delle etichette: "Non vedo l’ora, visto il mio mestiere, di incontrare cose nuove, che mi sorprendano e spaventino anche: mi butto, a costo di rompermi in mille pezzi". "Ora ho in programma una cosa molto bella in teatro", conclude, "Incrociamo le dita". Si guarda avanti.