Abbiamo stilato la guida definitiva alle migliori maschere per capelli nutriti effetto seta

Di Marzia Nicolini
·3 minuto per la lettura
Photo credit: VALENTINA VALDINOCI - Imaxtree
Photo credit: VALENTINA VALDINOCI - Imaxtree

From ELLE

La voglia di sfoggiare una chioma in perfetta salute appartiene a tutte noi. A prescindere dall'età, dalla tipologia di capello, dal taglio e dalla lunghezza, quando il capello è luminoso, elastico, setoso al tatto, ci sentiamo sicure e disinvolte. Il problema è che, in questi tempi fortemente stressanti (nonostante le vacanze di Natale ormai alle porte), i capelli rischiano di apparire fuori forma, più deboli e disidratati. Oltre a consigliarvi di limitare al massimo gli strumenti di styling a caldo (oppure di sceglierli di altissima qualità, rispettosi del capello), la soluzione per la remise en forme del capello è semplice: un appuntamento fisso con la maschera per capelli migliore. Abbiamo chiesto a un esperto alcuni consigli per scegliere le migliori hair mask.

La differenza tra balsamo e maschera capelli

Come ricorda Stefano Pedroni, titolare del salone Davines 360° in filanda, "quel che contraddistingue balsamo e maschera è la funzione d’uso. Il balsamo interviene sulla parte più esterna del capello, si applica dopo lo shampoo e la sua funzione principale è quella di disciplinare il capello, ovvero renderlo morbido e districato e favorirne la pettinabilità. La maschera, invece, può essere applicata dopo lo shampoo, ma anche prima e tendenzialmente presenta una formula ricca di ingredienti molto nutrienti, quali oli e burri. La sua funzione è quella di nutrire, ammorbidire e idratare a fondo, svolgendo un’azione ristrutturante e riparatrice del capello. Sono dunque prodotti diversi e complementari, vale a dire che il conditioner non esclude necessariamente la maschera".

Photo credit: Szymon Brzoska - Imaxtree
Photo credit: Szymon Brzoska - Imaxtree

Maschera capelli, consigli per l'uso

Siete certe di sapere come si utilizza la maschera? Spiega l'esperto di Davines: "un’applicazione corretta della maschera richiede una quantità di prodotto maggiore rispetto al conditioner. Le maschere hanno un tempo medio di posa di 10 minuti. Se di ottima qualità vanno applicate pure, senza essere diluite, direttamente sul capello e massaggiate anche contro squama per facilitarne l’assorbimento. Consiglio una maschera almeno una volta la settimana, anche se non esiste una regola fissa. Favorite l’approccio multimasking: come accade alla pelle, anche il capello presenta aree diverse che necessitano di trattamenti ad hoc. Ad esempio, potreste pensare di applicare sul cuoio capelluto una maschera anti stress o purificante; sulle lunghezze una maschera illuminante, per un effetto extra-shine; sulle punte, infine, una maschera ad azione riparatrice e sigillante. In un unico tempo di posa è così possibile agire in maniera mirata, ottenendo tre diversi benefici".

La maschera migliore in base al tipo di capelli

Quali attivi e texture cercare in etichetta della maschera? "Per capelli grossi e crespi, consiglio maschere ricche di oli e burri, possibilmente naturali. In caso di capelli trattati, stressati e poco nutriti, sì all'uso della maschera prima del lavaggio: applicatela possibilmente sui capelli asciutti, lasciandola agire alcune ore o anche tutta la notte. Un trucco per chi ha molti capelli, al fine di semplificare la distribuzione del prodotto, è quello di applicare la maschera con le mani bagnate, inumidendo leggermente la chioma. Sarà così molto più facile distribuire uniformemente la maschera su tutta la capigliatura. A differenza di quel che si crede i capelli grassi possono trarre norme beneficio dalle maschere, purché ricche di ingredienti purificanti, addolcenti o rimineralizzanti (ad esempio carbone di bambù ed estratto di tè matcha). Per capelli secchi e disidratati, invece, le maschere con acido ialuronico sono il trattamento ideale".

Le migliori maschere per capelli da comprare online