Acqua alta a Venezia, nuovo picco in arrivo

(AP Foto/Luca Bruno)

La marea, spinta dallo scirocco, ha cominciato a rialzarsi e Venezia attende ormai con rassegnazione il prossimo picco, previsto a 160 centimetri a fine mattinata. Si prevede che la città resterà sommersa almeno fino a domenica pomeriggio, facendo i conti con i danni che non c'è stato il tempo di riparare e con i turisti, sempre numerosi. "La marea si manterrà su valori molto alti per diversi giorni", dicono al Centro maree del Comune, che prevede fino a martedì livelli sopra il metro.

LEGGI ANCHE: Maltempo, Di Maio: "Non solo Venezia e nessuno ne parla"

VIDEO - Il ministro Lamorgese incontra gli “angeli di San Marco”

Intanto è stata firmata l'ordinanza che affida al sindaco Luigi Brugnaro il ruolo di commissario, sblocca 20 milioni per interventi d'urgenza e sospende i mutui per un anno. Monta la protesta contro le "passerelle" dei politici e i troppi turisti.

LEGGI ANCHE: Venezia dopo l'inondazione: via alla raccolta fondi in tutto il mondo

Ma l'ondata di maltempo non riguarda solo Venezia: in altre 11 regioni per oggi è stata dichiarata un allerta per rischio idrogeologico e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Fraccaro ha detto che il governo è pronto a riconoscere lo stato di emergenza anche ad altre regioni.

LEGGI ANCHE: Berlusconi: “Mose fermo nonostante i soldi spesi? Sconcertante”

In Alto Adige 11mila famiglie sono ancora senza corrente elettrica e diversi Comuni sono isolati. In Toscana, l'Arno ha superato il primo livello di guardia a Firenze, e nel Grossetano l'Albegna è esondato. A Roma, oltre 200 interventi dei Vigili del Fuoco nella notte per allagamenti ed alberi caduti a causa di un temporale e del forte vento. Oggi temporali, neve e mareggiate nel Nordest e al Sud.

VIDEO - Venezia tenta un ritorno alla normalità mentre si prevedono altri 160 cm d'acqua