Aerofagia: motivi e soluzioni al gonfiore addominale

·2 minuto per la lettura
aria nella pancia
aria nella pancia

L’aria nella pancia non è mai ben tollerata dal nostro apparato digerente e può causare fastidiosi disagi, come tensione e gonfiore addominale, meteorismo e flatulenza. Le cause possono essere varie ma esistono delle soluzioni efficaci al problema.

Aria nella pancia: come intervenire?

Cause e sintomi

Le cause dell’aria nella pancia possono essere principalmente due: o viene introdotta nell’organismo mentre mangiamo, oppure viene prodotta in eccesso a livello di stomaco e intestino.

Nel primo caso, l’aria nella pancia si è formata perché l’abbiamo introdotta noi. Infatti, ogni volta che apriamo la bocca, parliamo, mastichiamo o beviamo, l’aria che entra nel cavo orale non è inviata soltanto ai polmoni, ma viene anche inavvertitamente deglutita.

L’aria ingerita va a gonfiare lo stomaco e se non viene riassorbita o espulsa dall’esofago, va a gonfiare anche l’intestino. L’aria nella pancia è un fenomeno assolutamente fisiologico, che entro certi limiti non crea alcun problema. Se però la quantità di aria ingerita è notevole, si verificano tutti quei disturbi fastidiosi come tensione addominale, crampi, dolori e meteorismo.

L’aria nella pancia può formarsi anche direttamente durante il processo di digestione, a livello di stomaco e intestino. Questo è una conseguenza di un disturbo funzionale, come la sindrome del colon irritabile o la dispepsia funzionale, oppure può indicare la presenza di malattie organiche specifiche.

Le due opzioni sopra descritte possono essere causate da abitudini alimentari scorrette o intolleranze non note verso nutrienti specifici, come lattosio e glutine. l’aria nella pancia può indicare la presenza di un disturbo funzionale a livello di stomaco o intestino, oppure può formarsi anche in casi di ansia e stress.

Altre volte l’aerofagia e i relativi sintomi possono indicare la presenza di malattie più serie. Se i disturbi di questo genere persistono per diversi giorni e insorgono senza una specifica ragione, conviene sempre rivolgersi a un medico.

Rimedi

Per contrastare l’aerofagia, è possibile ricorrere a rimedi naturali semplici e ben tollerati da chiunque. Tisane al finocchio, alla melissa, all’anice, alla menta o un tè leggero con del limone possono favorire la digestione e aiutare a prevenire il gonfiore addominale.

Altri rimedi contro l’aerofagia riguardano le modalità di assunzione di cibi e bevande, masticazione e deglutizione. Mangiare in un ambiente rilassato e senza fretta aiuta a non provare ansia e stress e a non causare aria nella pancia. Masticare lentamente e con calma, bere a piccoli sorsi, non parlare mentre si sta mangiando e introdurre un nuovo boccone solo dopo che si è deglutito il precedente sono altre buone abitudini da avere a tavola. Infine, ricordatevi di fare una piccola passeggiata dopo ogni pasto, per favorire la digestione.