Aerosol: come sceglierlo?

·2 minuto per la lettura
aerosol per bambini
aerosol per bambini

L’aerosol per bambini è un apparecchio indispensabile per l’intera famiglia per curare i disturbi legati alle vie respiratorie alte e basse. Tra i vari modelli reperibili in commercio, i più venduti ed utilizzati sono i nebulizzatori pneumatici e ad ultrasuoni. Vediamo insieme quale apparecchio aerosol scegliere per bambini ed adulti.

Aerosol per bambini

L’aerosol è l’apparecchio usato per effettuare l’aerosolterapia, che consiste nella somministrazione di farmaci o di una soluzione fisiologica (acqua marina o termale) per curare i disturbi delle vie aeree alte e basse (raffreddore, tosse, laringite, faringite, bronchite, asma, ecc.). Sebbene tali disturbi colpiscano più frequentemente i bambini, adolescenti e adulti non ne sono esenti. In generale l’aerosol è indispensabile anche e soprattutto per chi soffre di disturbi cronici a carico dell‘apparato respiratorio, come l’asma.

Aerosol per bambini: come scegliere

Tra i modelli di apparecchio per aerosol presenti in commercio, quelli più diffusi ed utilizzati sono il nebulizzatore pneumatico e quello ad ultrasuoni, che si differenziano sia a livello tecnico che quello economico.

I nebulizzatori pneumatici possono essere a membrana o a pistone. I primi sono modelli più economici, ma essendo più lenti e rumorosi potrebbero risultare fastidiosi per i bambini. I modelli a pistone, invece, nebulizzano il medicinale trasformandolo in goccioline più fini ed hanno un migliore rapporto qualità prezzo.

I nebulizzatori ad ultrasuoni, più silenziosi e più veloci dei modelli precedenti, sono consigliati per l’uso occasionale e per i bambini poco collaborativi e presentano dei contro di cui non si può non tener conto per orientarsi nell’acquisto. Possono infatti surriscaldare la nebulizzazione e non sono indicati per la somministrazione di alcuni farmaci, come ad esempio i cortisonici. In ogni caso, sul bugiardino di molti medicinali viene specificato se possono essere nebulizzati anche con gli apparecchi ad ultrasuoni.

Aerosol come funziona

Il nebulizzatore trasforma il farmaco o la soluzione fisiologica in gocce piccolissime che, tramite l’accessorio utilizzato per l’aerosolterapia, raggiungono le mucose dell’apparato respiratorio svolgendo un’azione locale mirata.

Gli accessori di cui è dotato l’aerosol sono:

  • la mascherina, adatta ai bambini, copre naso e bocca per impedire la dispersione della soluzione nebulizzata e va usata solo da svegli, quando i genitori possono incoraggiarli a respirare con la bocca anziché con il naso, come accade durante il sonno;

  • il boccaglio va tenuto tra i denti, mentre il naso resta chiuso con le dita o una molletta;

  • forcella nasale (poco usata) e doccia nasale servono per somministrare farmaci per curare le patologie della mucosa nasale.

Apparecchio e accessori vanno puliti e sterilizzati dopo l’uso seguendo le istruzioni fornite dal produttore. Il bambino o l’adulto, invece, devono lavare il viso per rimuovere i residui del farmaco rimasti sulla pelle e sciacquare la bocca con acqua e bicarbonato, onde ridurre il rischio che si formi il mughetto, soprattutto dopo la somministrazione di cortisonici.