Agli Europei anche i Ferragnez hanno tifato Italia, e stavolta non hanno influenzato nessun televoto

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Michael Regan - Getty Images
Photo credit: Michael Regan - Getty Images

Erano 53 anni che l'Italia non alzava una coppa al Campionato d'Europa. La prima e unica volta avvenne nel 1968. Basterebbe questo per comprendere tifo, sofferenza e commozione di milioni di italiani nella serata più folle di tutte dai tempi del Mondiale del 2006. Anche i nostri vip non si sono risparmiati e se a inizio partita le telecamere di Wembley hanno inquadrato in tribuna il trio perfetto della royal family con William, Kate e George, insieme a David Beckham e all'amico Tom Cruise, impeccabili come sempre e già sicuri della vittoria, è stato a casa dei Ferragnez che si è consumato il rito più genuinamente italiano della partita della domenica in versione 2.0, a suon di post e stories.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Qualche foto prima del fischio dell'arbitro con i colori della bandiera italiana (Chiara in camicia verde, Fedez in t-shirt rossa e i due pargoli in mezzo in bianco) e poi si incomincia. Appena 2 minuti e arriva il primo gol dell'Inghilterra. Sorpresa e scoramento per Fedez e Leone, le cui lacrime sono anche un po' le nostre. Da qui l'idea di far invocare a Chiara il televoto, proprio come aveva già fatto con successo lo scorso maggio per i Maneskin all'Eurovision Song Contest. Stavolta però è solo un rito scaramantico, perché tutto è nelle mani (e nei piedi) degli Azzurri.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Dopo un primo tempo sotto scacco degli inglesi, la macumba dei Ferragnez inizia a sortire i primi effetti: Leo Bonucci va al gol del pareggio e l'Italia torna in partita. Si macina fatica e si consumano le suole per arrivare ai supplementari, qualche tiro in porta, ma nulla di fatto: 120 minuti di partita e siamo ancora in parità. Siamo costretti ai rigori. Fedez quasi non vuole guardare e agita la bandierina nervosamente davanti agli occhi. I due errori di Belotti e Jorginho sembrano fatali e invece anche i padroni di casa sono meno infallibili di quanto credono al dischetto. L'ultimo tiro, quello che potrebbe tenere ancora aperta per gli inglesi una partita sofferta e infinita, è affidato a Saka. Secondi di tensione, poi il calcio, l'agguato di Gigio Donnarumma, che si tuffa e allontana il pallone. L'Italia che vince senza neanche rendersene conto: non con un gol, ma con una parata. In casa Ferragnez c'è un istante di perplessità: "Abbiamo vinto?". Abbiamo vinto. Ed esplode la felicità.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Festeggiamenti non solo per Chiara e Fedez, che brindano ai campioni, ma anche per Elisabetta Gregoraci, che sceglie un tifo più verace e segue la partita insieme al figlio davanti al maxi schermo di un locale. Per poi scendere in piazza con tanto di bandiera sulle note di "Notti magiche". La finale ha avuto anche il merito di unire ciò che le qualificazioni avevano diviso. E così la coppia Diletta Leotta-Can Yaman posa di nuovo insieme su Instagram con il trucco tricolore. I due, inizialmente divisi dal tifo per la partita Italia-Turchia di inizio luglio, ieri sera erano più innamorati che mai. Intanto sono arrivate le felicitazioni del Presidente della Repubblica, presente ieri a Wembley e pronto ad accogliere questo pomeriggio gli Azzurri al Quirinale: "Grande riconoscenza a Roberto Mancini e ai nostri giocatori che hanno ben rappresentato l'Italia e hanno reso onore allo sport". Grazie ragazzi.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli