Al via la sperimentazione sul vaccino anti Covid sviluppato in Italia

vaccino spallanzani covid

L’Aifa ha autorizzato i primi test sul vaccino anti coronavirus italiano prodotto dall’azienda bio-tecnologica ReiThera. L’Istituto Superiore di Sanità ha già valutato positivamente lo studio che ha ottenuto il parere favorevole del Comitato etico dell’INIMI Spallanzani.

Aifa autorizza test sul vaccino italiano

La sperimentazione prevede l’arruolamento di 90 volontari sani in due coorti sequenziali (prima adulti e poi anziani) e sarà condotta presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “L. Spallanzani” di Roma e il Centro Ricerche Cliniche Verona. L’obiettivo è quello di valutare la sicurezza e l’immunogenicità del vaccino GRAd-COV2 ideato da un’azienda italiano.

L’Aifa ha spiegato che i test effettuati sugli animali hanno avuto esiti positivi e si appresta ora ad identificare 45 soggetti sani di età compresa tra 18 e 55 anni e 45 di età compresa tra 65 e 85 anni. Essi verranno divisi in sei gruppi composti da 15 partecipanti in modo da avere tre bracci di trattamento a dosi crescenti. L’arruolamento inizierà dalla coorte 1 e procederà in maniera sequenziale dopo la verifica dei dati di sicurezza dati dallo step precedente.

A sostenere il progetto di sviluppo del vaccino vi sono il Ministero della Ricerca con il CNR e la Regione Lazio. Esulta il ministro della Salute Speranza annunciando la notizia e aggiungendo che “i ricercatori del nostro paese sono al lavoro senza sosta per vincere la sfida al virus“.