Alec Baldwin: «Gli agenti di polizia devono controllare le armi sui set cinematografici»

·1 minuto per la lettura

Alec Baldwin ha chiesto agli agenti di polizia di monitorare pistole e armi su tutti i set cinematografici.

Il mese scorso, l'attore di 30 Rock stava girando il film «Rust» al Bonanza Creek Ranch di Santa Fe, nel New Mexico, quando ha impropriamente utilizzato un'arma da fuoco, uccidendo Halyna Hutchins, 42 anni, e ferendo il regista Joel Souza.

La produzione del film è stata sospesa a tempo indeterminato, mentre la polizia locale e gli agenti di sicurezza stanno ancora indagando sul tragico incidente.

Baldwin ha scelto Twitter per proporre un’iniziativa che migliori la sicurezza su tutti i set televisivi e cinematografici.

«Ogni set cinematografico/televisivo che utilizza armi, false o meno, dovrebbe avere un agente di polizia sul set, assunto dalla produzione, per monitorare specificamente la sicurezza delle armi», ha scritto venendo però bacchettato da un fan.

«Quel lavoro esiste già sui set. Si chiama armiere».

In risposta, Alec ha twittato un laconico: «Ce l’avevamo».

All'inizio del mese, Baldwin ha apparentemente contestato le segnalazioni di precedenti violazioni della sicurezza sul set di «Rust» con dei paparazzi nel Vermont.

«Eravamo una troupe molto, molto ben lubrificata che girava un film insieme e poi è successo questo orribile evento», ha affermato, aggiungendo di essere in contatto costante con il marito della Hutchins, Matthew.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli