Alessandra Amoroso e il concerto a San Siro: ‘Hanno cercato di sminuirmi’


Alessandra Amoroso, reduce dall’enorme successo del suo concerto a San Siro, durante un’intervista rilasciata al settimanale “Tv Sorrisi e Canzoni” ha rivelato che in molti hanno cercato di sminuire il suo show.
La cantante, che la scorsa settimana si è esibita davanti a 42mila persone, è la seconda artista italiana dopo Laura Pausini ad essersi esibita da sola nello stadio di Milano.
Ha detto: “Volevo che il mio primo concerto fosse un momento di liberazione totale. Tutta quella gente sul palco rappresentava la proiezione di me… in formato gigante. In fondo certe cose le puoi fare solo in uno stadio e non mi sono risparmiata nulla”.
Non sono però mancate le critiche sullo spettacolo.
“Ho letto parole che sembravano sminuire il mio concerto, nonostante ci fossero decine di migliaia di testimoni”, ha dichiarato la 35enne.
Ha poi aggiunto: “É un problema che vivo spesso, ne ho parlato anche sul palco, chiedendo alle donne di non farci svilire. So che dico tantissime cose che le donne vivono ogni giorno in contesti diversi dal mio. Dobbiamo giustificarci per tutto: per cosa pensiamo, per come ci vestiamo, per i nostri successi. Invece basta: non dobbiamo farci schiacciare, non dobbiamo più stare zitte”.
L’artista di origini salentine ha poi confessato di non aver mai pensato di ritrovare così tanto affetto da parte del pubblico.
“Cosa mi ha stupito? Innanzitutto l’accoglienza del pubblico. In tutti questi anni non mi sono ancora abituata al loro affetto e vederlo tutto insieme dopo tutto quello che abbiamo vissuto durante la pandemia mi ha stesa”, ha confidato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli