Alessandro Cattelan: «Riuscire a fregarsene della gente non è sempre facile»

·1 minuto per la lettura

Alessandro Cattelan ha chiuso "Da Grande" con un monologo dal tono mogio e risentito.

Domenica sera è andata in onda la seconda e ultima puntata dello show targato Rai 1, novità attesa dal pubblico da anni, ma che non ha raccolto il consenso sperato.

«Non ti far fermare dalle pernacchie, perché fanno tanto rumore, ma sono aria, non ti fanno niente».

«E soprattutto le pernacchie non devono mai farti smettere di fare quello che ami fare: ti piace ballare? E allora balla, cazzo! Fregatene, balla! Divertiti! Non importa quello che dice la gente...», ha dichiarato Alessandro Cattelan durante il suo monologo, in cui dovrebbe parlare con sua figlia Olivia.

Incassate le critiche, Cattelan giunge a una conclusione.

«Riuscire a fregarsene della gente non è sempre facile... poi dipende dai caratteri: io tendenzialmente riesco a farmi scivolare le cose abbastanza addosso, però a volte è difficile. E allora volevo salutarvi col mio rimedio ai periodi in cui sono sotto pressione. Io mi rifugio sempre nella stessa canzone da quando avevo 16 anni e ancora adesso che sono diventato grande...».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli