Alessandro Preziosi: «Anch'io ho pensato di sparire»

·1 minuto per la lettura

Alessandro Preziosi è il protagonista di “Masantonio-Sezione scomparsi”, un detective a caccia di persone svanite nel nulla.

Ruolo interessante, che stranamente risuona nella vita reale dell'attore, perché in passato Preziosi ha davvero pensato di sparire senza lasciare traccia.

«Mi è capitato di pensare di sparire per starmene per conto mio per un po’, avvisando solo le persone a me più care di non preoccuparsi. Tutti abbiamo avuto questo desiderio, è un sentimento che rende umani meno perfetti», ha dichiarato Alessandro Preziosi a Gente.

Di contro, appena letta la sceneggiatura, l'attore è rimasto conquistato dal personaggio di Masantonio.

«Ho pensato: “Ma guarda che tipo”. È un personaggio mi ha conquistato subito. Non sono uno da serie lunghe, avevo delle remore però più leggevo la sceneggiatura più l’amavo, tanto che la prima chiacchierata con il regista e lo sceneggiatore è stata risolutiva: mi guardavano con occhi pieni di sorpresa, forse perché non si aspettavano tutta quella mia passione».

A breve, il 48enne sarà anche a tetro per due grandi eventi teatrali. Uno è dedicato ai 700 anni di Dante.

«Si tratta della DanteXperience, con la Budapest Mav Symphony Orchestra: io sarò la voce di questo spettacolo multimediale in scena il 16 luglio a Teatro Romano di Verona. Per il Festival Shakespeariano, sempre a Verona, il 27 reciterò Otello-Dalla parte di Cassio. Ho voglia di riprendermi il palco: pur avendo lavorato molto in questo anno e mezzo – ho girato anche il film di Francesco Patierno “La peste”, ispirato al romanzo di Camus e ambientato in una Napoli quasi deserta durante il lockdown – mi manca tantissimo il contatto diretto con il pubblico».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli