Allergia ai gatti? Ecco 10 felini a prova di "starnuto"

A homeless little ginger kitty, similar to a little fox in a shelter, looks at the camera, looking for a house, volunteers help animals
A homeless little ginger kitty, similar to a little fox in a shelter, looks at the camera, looking for a house, volunteers help animals

L'allergia ai gatti, si sa, può essere un problema, soprattutto per chi è amante dei felini e vorrebbe averne uno tutto per sé da coccolare a casa. I sintomi più comuni sono i classici starnuti consecutivi, difficoltà respiratorie e irritazione oculare.

A soffrirne, dati alla mano, è circa il 30% della popolazione. Molti pensano erroneamente che l'allergia sia dovuta al pelo dei gatti, mentre la verità è leggermente diversa: l'allergia è infatti legata piuttosto all'allergene (la sostanza scatenante) che si accumula proprio sul pelo del micio, ma anche nella saliva, nell'urina e nelle ghiandole sebacee della sua pelle. L'allergene in questione è la proteina Fel D1, anche se ce ne sono altri sette minori che possono ugualmente provocare fastidi.

LEGGI ANCHE - I gatti ricordano i nomi di altri animali che vivono in casa (e anche quello del padrone)

VIDEO - Gatti: come coccolarli? Quali errori da non fare quando li si avvicina?

Esistono tuttavia delle razze feline in cui la produzione di proteina Fel D1 è ridotta e per questo i gatti in questione possono essere considerati "anallergici" e a prova di "starnuto". Ecco quali sono:

  • Siberiano - Nonostante il pelo fitto e lungo, questo gatto produce una bassissima quantità di Fel D1.

  • Balinese - Anche in questo caso la produzione di Fel D1 è minima.

  • Gatto Norvegese delle Foreste - Sebbene sia un gatto solitario e poco incline alle coccole, è perfetto per i soggetti allergici in quanto produce una quantità quasi nulla di Fel D1.

  • Bengala - Ecco un altro gatto che rientra tra quelli che producono una ridotta quantità di proteina.

  • Giavanese - In questo gatto si registrano pochissimi allergeni anche perché ha solo uno dei tre strati tipici di pelo dei felini.

  • Devon Rex - In questo caso non è il suo pelo corto (la cui perdita è comunque contenuta), ma la presenza della proteina Fel D1 nella saliva che è inferiore.

  • Orientale a pelo corto - Pelo corto, per l'appunto, e quantità minima di Fel D1: queste caratteristiche rendono questa razza ottima per chi è allergico ai gatti.

  • Blu di Russia - Il Blu di Russia produce rinomatamente poca Fel D1 perché, nonostante il suo pelo presenti addirittura un doppio strato, è proprio nel sottopelo che restano “intrappolati” gli allergeni, diffondendosi meno in casa.

  • Ocicat - Ecco un altro gatto annoverato fra i dieci ipoallergici, con produzione di allergene Fel D1 vicina allo zero.

  • Colorpoint Shorthair - Infine, anche la Colorpoint Shorthair è considerata una razza che produce una bassa quantità di proteina allergica.

LEGGI ANCHE - Giappone, spende 15mila euro per "diventare" un cane di razza collie

E ANCHE - Perché il cane è il migliore amico dell’uomo? C’entra la scienza

VIDEO - Damiano dei Maneskin, lezioni di batteria sul fondoschiena di…

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli