Allevava 7 squali nella piscina del suo seminterrato: multato

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Getty Creative)
(Getty Creative)

Deteneva illegalmente sette squali nella piscina del suo seminterrato a New York con l’intento di metterli in vendita online. Joshua Seguine, 40 anni, è stato multato per 5mila dollari per possesso illegale di squali.

Il suo “allevamento” clandestino è stato scoperto dopo che il 40enne era stato fermato nel 2017 per guida senza patente. In quell'occasione le autorità avevano trovato cinque squali di piccole dimensioni in una grande vasca circolare nel retro del suo camion. Seguine aveva dichiarato che voleva portare gli animali a New York per venderli, e che nella sua casa aveva altri esemplari vivi.

GUARDA ANCHE: Bagno tra gli squali senza accorgersene

Gli investigatori del Dipartimento per la conservazione ambientale di New York (DEC) hanno perciò iniziato a indagare sul 40enne e giunti nella sua casa con un mandato di perquisizione hanno trovato nella piscina sette squali "sandbar", una specie protetta, due squali leopardo morti e il muso di un pesce sega, esemplare a rischio estinzione.

Come si legge su Mashable Italia, che riporta la notizia, il possesso e la commercializzazione di squali è legale negli Stati Uniti, a patto che non si tratti di specie protette e che gli animali vengano allevati secondo certi criteri. I sette squali ritrovati in piscina sono stati trasferiti all'acquario di Coney Island a New York.

GUARDA ANCHE: Uomo blocca squalo a mani nude