Allure francese e grinta americana: Lily-Rose Depp gioca con i colori e mostra la sua bellezza in fiore

·4 minuto per la lettura
Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images
Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images

Madre: Vanessa, padre: Johnny. Lily-Rose Depp è destinata a diventare una grande star. E infatti è già il volto della Maison Chanel, in particolare del nuovo rossetto Rouge Coco Bloom. In attesa che escano (tutti insieme) i suoi tre nuovi film, Lily ci racconta il suo amore per le rose e il colore rosa. Del resto ce l’ha nel nome.

Chanel fa parte della sua vita fin dalla nascita. In che rapporti è con la direttrice artistica della Maison Virginie Viard?

Ho conosciuto Virginie quando avevo 16 anni, avevo appena iniziato a lavorare con Chanel e stavo girando la mia prima campagna pubblicitaria per gli occhiali da sole. Ho capito subito che la sua visione era assolutamente unica, soprattutto perché lei stessa incarnava la donna Chanel. Le sue collezioni sono super eleganti e allo stesso tempo molto cool. Riesce a creare abiti in grado di farti sentire immediatamente naturale, come se fossero stati fatti su misura per te. Quando c’erano le vere sfilate, prima della chiusura, sono andata a trovarla nel suo studio e ho visto il processo di lavoro con i miei occhi. Una performance affascinante, uno spettacolo magico! E Virginie è una persona molto gentile, affascinante ed estremamente creativa.

Come ha vissuto l'isolamento? Molte persone confessano che durante quel periodo hanno potuto riconsiderare la loro vita, capire qualcosa di nuovo su se stessi e sul mondo che li circonda. Le è successo qualcosa di simile?

L'ho trascorso con la mia famiglia a Parigi ed è stato un periodo davvero prezioso. Mentre prima era facile incontrare amici e familiari, siamo passati a usare Facetime e altri sistemi di videochiamata. È in momenti come questo che ti rendi conto di quanto realmente ti manchino le persone. Credo che il periodo abbia insegnato a tutti noi una lezione importante: abbiamo bisogno gli uni degli altri, quindi facciamo tesoro dei nostri cari. Ho visto una bellezza speciale nelle cose che abbiamo fatto per essere più vicini.

Durante l'isolamento ha recitato nel dramma psicologico Wolf di Nathalie Biancheri. Come è andata?

Abbiamo girato in Irlanda rispettando tutte le misure di sicurezza anti-Covid. È stato insolito. Ma lo scenario mi piaceva così tanto ed ero così ansiosa di tornare a lavorare che ero assolutamente pronta a certi compromessi. E sono stata davvero fortunata con i miei colleghi. Come il mio partner per questo film, George MacKay, una persona davvero straordinaria. Il 2021 è stato nel complesso insolitamente fortunato per me, diversi miei film usciranno contemporaneamente. Oltre a Wolf ci sono Voyagers e Silent Nigh dove recito con i bellissimi Matthew Goode e Keira Knightley. Ognuno dei film è importante e caro per me a modo suo. E sono estremamente felice che la gente possa guardarli ora, dopo l'anno passato che è stato così duro per tutti.

Molti attori spesso portano con sé qualcosa dalle riprese, alcuni oggetti che permettono loro di ricordare l'esperienza per molto tempo dopo. Lei ha questi ricordi dai set dei suoi film?

Certamente! Conservo sempre qualcosa, il ricordo delle grandi riprese è molto prezioso per me. Di Wolf ho tenuto una maglietta, diversi accessori e, per quanto possa sembrare strano, il pettine della mia eroina.

Lei si divide tra due continenti, l'America e l'Europa. Sua madre è francese, suo padre americano. Come fa a conciliare i tratti del carattere americano e quello francese? Quando passa da una lingua all'altra si sente un po' una persona diversa? Con una mentalità diversa?

Per quanto riguarda la lingua sì e i miei amici me lo fanno notare spesso. Inoltre, il mio segno zodiacale è Gemelli e questo amplifica il dualismo. Ma devo dire che amo sia la cultura americana sia quella europea allo stesso modo, e mi sento a casa a New York o Los Angeles come a Parigi.

Parliamo del colore rosa. Immagino ne sia naturalmente attratta, visto il suo nome. Indossava anche un maglione rosa alla sfilata della collezione primaverile di Chanel. Quali capi di questo colore della nuova collezione le è venuta subito voglia di indossare?

In effetti, ho sempre amato il rosa. E Chanel ha davvero un rapporto speciale con questo colore. Per esempio, la mia borsa Chanel preferita è rosa e nera, una combinazione perfetta. Per quanto riguarda la nuova collezione, mi sono subito innamorata del maglioncino in cashmere rosa e dei look in denim color neon.

Lily-Rose Depp è il volto del nuovo Rouge Coco Bloom di Chanel, rossetto di ultima generazione che coniuga il colore intenso di un lipstick con la brillantezza di un gloss. In 20 nuance, dai nudi ai prugna passando per rosa e rossi (39 euro).

Photo credit: Courtesy of Chanel
Photo credit: Courtesy of Chanel


Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli