Alziamoci all'alba e guardiamo Milano e il suo design con occhi nuovi

Di Redazione Digital
·1 minuto per la lettura
Photo credit: Photo by Bernardo Ricci Armani
Photo credit: Photo by Bernardo Ricci Armani

From Marie Claire

La città sale, titolo splendido di un'opera splendida di Umberto Boccioni realizzata tra il 1910 e il 1911. Milano è salita, nella lista delle città che cercano di diventare sempre più vivibili e meno legate ai vecchi adagi di nebbia, traffico e workaholic e per farlo ci siamo immaginati un tour all'alba tra le sue meraviglie che hanno cambiato per sempre il suo skyline. Dal Bosco Verticale, entrato nella top ten degli edifici più belli al mondo: in qualunque stagione dell'anno i suoi terrazzi sono il termometro della bellezza verde: foliage, fioriture, verde vivo. La sua vicina, la ricchissima Piazza Gae Aulenti, gratta il cielo con gli edifici più alti di Milano. Una città che è una grande dama la cui personalità la troviamo nella forma che sfida la fisica della Torre Velasca, nella facciata austera eppure invitante della Triennale, nello specchio rigido e simbolico del Pirellone. Provate a guardarla in silenzio, in una mattina d'estate quando, vuota, ama ricevere le migliori dichiarazioni d'amore.

Have to: optare per una visione autentica e completa del cielo di Milano al suo meglio, grazie al design del nuovo Hybrid e Plug In Hybrid di Kia, presto in arrivo che, nella ricerca di un abitacolo funzionale e accogliente, valorizza la visuale dei passeggeri grazie a un tettuccio effetto 360° e un'illuminazione speciale, denominata, Mood Lamps, effetto lounge. Per non perdere un centimetro di stupore.

Photo credit: Gregor Polster / Kia
Photo credit: Gregor Polster / Kia