Anche Alessandra Mastronardi abbatte il tabù dei capelli bianchi ed è super chic, as usual

·1 minuto per la lettura
Photo credit: ALBERTO PIZZOLI - Getty Images
Photo credit: ALBERTO PIZZOLI - Getty Images

Per la maggior parte delle donne, i primi capelli bianchi si palesano intorno ai trent'anni: in quel momento, chi ha sempre mantenuto il proprio colore naturale, deve scendere a patti con l'invecchiamento della chioma. Le opzioni sono due: iniziare a tingersi o utilizzare riflessanti o erbe naturali, oppure accogliere il cambiamento e lasciare che si presenti alla luce del sole. Quest'ultima è stata la scelta di Alessandra Mastronardi, che insieme a una lista sempre più lunga di celeb italiane e internazionali, non si si fa (più) problemi a lasciare sbucare tra i capelli scuri i primi bianchi.

La sua eleganza naturale e il suo taglio con frangetta un po' rétro, che ricorda quello di Audrey Hepburn, sono un mix perfetto di classe e stile, che rendono del tutto coerente la scelta di puntare sulla naturalezza e sui segni del tempo che passa. D'altronde le donne stanno scoprendo la libertà di non dover sembrare sempre giovanissime e perfette, di non dover subire pressioni e richieste impossibili, lasciando che il corpo cambi e si evolva con gli anni. L'equazione giovanissimo = bello è decisamente superata.

I capelli bianchi, però, tendono a essere più secchi, duri e indisciplinati, per questo è necessario prendersene cura al meglio per avere un aspetto naturale ma curato. Per disciplinarli, oltre a utilizzare prodotti idratanti, l'ideale è introdurre nella propria routine degli impacchi, per esempio con la cassia, nota anche come henné neutro poiché non colora ma nutre in profondità il capello disciplinandolo, o con il burro di karitè. Con costanza, il viaggio di transizione verso il grigio o il bianco sarà più semplice, mantenendo sempre capelli forti e un look impeccabile.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli