Andrea Di Carlo lascia Arisa e volta pagina: «Sii felice senza di me»

·1 minuto per la lettura

Andrea Di Carlo ha pubblicato il suo addio a Arisa via social.

Lo ha fatto a notte tarda, usando come metafora della sua tribolata storia d'amore con la cantante, le celebri parole del romanzo di Paolo Giordano, “La solitudine dei numeri primi”.

«In senso metaforico, i numeri primi rimandano alla solitudine, in quanto sono quei numeri che sono divisibili solo per sé stessi e per zero. Ossia non hanno relazioni con altro, solo con se stessi e con il nulla», scrive Andrea Di Carlo su Instagram.

«Mi è capitato di innamorarmi di un numero primo, perché l’amore capita e basta. Io però sono divisibile, ho relazioni con gli altri e detesto il nulla, quindi per me è impossibile stare con un numero primo», scrive il manager a margine della locandina del celebre film di Saverio Costanzo, tratto dall’omonimo romanzo di Paolo Giordano.

«Per una star è facile sentirsi un numero primo, io non biasimo né giudico nessuno. Chi è senza peccato scagli la prima pietra».

La decisione di Andrea giunge in seguito a diversi tira e molla sentimentali con l’autrice di “Potevi fare di più”, con la quale in origine aveva previsto di convolare a nozze.

«Spero di trovare prima o poi un vero numero primo che abbia la forza e l’audacia di mettere la relazione al primo posto. Che sia in grado di comprendere ed accogliere le mie debolezze, ma anche di saper dire dei no quando serve, perché i no aiutano a crescere», scrive Di Carlo, e conclude: «Lei è un numero primo, io no. Cerca di essere felice Arisa, provaci ora ma senza di me. Buona vita».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli