Aneris: su stop auto endotermiche Draghi chiarisca posizione Italia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 giu. (askanews) - "Quella di oggi è un'iniziativa unilaterale che contrasta con la posizione ufficiale espressa nel dicembre 2021 dal CITE, il Comitato Interministeriale alla Transizione Ecologica, e giusto pochi giorni fa dai partiti di maggioranza italiani al Parlamento europeo. È tempo che Draghi sia chiaro: il governo che sta guidando è impegnato sul fronte delle questioni climatiche o no? Sarebbe uno scandalo per un governo nato all'insegna degli impegni in favore della transizione ecologica allearsi con Bulgaria e Romania sulle questioni climatiche". E' questo il commento dice Veronica Aneris, direttrice di Transport & Environment Italia riguardo il documento circolato in queste ore in cui l'Italia insieme a di Bulgaria, Romania, Portogallo e Slovacchia sostiene il rinvio al 2040 dello stop alla vendita delle auto a motore a scoppio.

Il documento con la posizione dei cinque Paesi è stato presentato al vaglio del Coreper, l'organismo che coordina e prepara i lavori del Consiglio d'Europa; il Coreper si riunirà domani in vista del del Consiglio dei ministri Ue dell'Ambiente fissato il 28 giugno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli