Angelina Jolie ha aperto il suo primo profilo social per dare voce ai cittadini dell’Afghanistan

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Guillermo Legaria - Getty Images
Photo credit: Guillermo Legaria - Getty Images

Non aveva mai fatto il suo ingresso ufficiale nel mondo dei social network, ma i tempi funesti l'hanno reso necessario: Angelina Jolie è sbarcata su Instagram il 20 agosto per una buonissima causa. "In questo momento, il popolo dell'Afghanistan sta perdendo la capacità di comunicare sui social media e di esprimersi liberamente. Così sono venuta su Instagram per condividere le loro storie e le voci di coloro che in tutto il mondo stanno lottando per i loro diritti fondamentali" spiega Angelina Jolie sul suo profilo social che in appena qualche ora ha già guadagnato 7 milioni e mezzo di follower.

Da sempre impegnata con l'UNHCR e attivista per i diritti dei rifugiati, Angelina Jolie non ha voluto stare in silenzio a guardare la situazione in Afghanistan, dove i talebani hanno immediatamente riconquistato il territorio dopo il ritiro delle truppe americane, tornando a imporre il loro governo del terrore basato sulla Sharia. "È nauseante vedere gli afgani sfollare ancora una volta per la paura e l'incertezza che ha attanagliato il loro paese. Spendere così tanto tempo e denaro, versare sangue e perdere vite umane solo per arrivare a questo, è un fallimento quasi impossibile da capire" racconta Jolie spiegando il suo punto di vista sulla scelta del ritiro delle truppe Usa ed enfatizzando come rispetto a 20 anni fa, quando lei è stata in visita umanitaria in un Afghanistan dominato dai talebani, sembra non sia cambiato nulla.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

A corredo delle sue parole, l'attrice ha pubblicato la lettera scritta a mano da una ragazza afghana che le racconta i suoi timori per l'arrivo dei talebani, a partire da quello di non poter più tornare a scuola. Si legge sul foglio: "Avevamo tutti dei diritti, eravamo in grado di difendere i nostri diritti liberamente, ma quando arrivano, ne abbiamo tutti paura e pensiamo che tutti i nostri sogni siano svaniti. Pensiamo che i nostri diritti siano stati violati e che non potremo venirne fuori".

Nel post successivo, Angelina Jolie riflette sull'urgenza di un intervento e domanda: "A che punto saremo abbastanza preoccupati per affrontare la devastazione ambientale, i conflitti e le violazioni dei diritti umani che alimentano queste crisi?". Infine aggiunge una chiamata all'attivismo per tutte quelle persone che, nel loro piccolo ma grande, vogliono fare qualcosa per ragazze come la mittente della lettera: "Come altri che sono coinvolti nella causa, non mi girerò dall'altra parte. Continuerò a cercare modi per aiutare. E spero che vi unirete a me".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli