Ansia e disturbi depressivi: come combatterli con l'alimentazione

·2 minuto per la lettura
dieta depressione
dieta depressione

Seguire un regime alimentare corretto non è essenziale solo per perdere peso e rimare in forma. Mangiare bene scegliendo alcuni cibi e scartandone altri consente anche di migliorare la propria salute in maniera naturale. Una dieta adeguata permette di prevenire anche ansia e depressione, infatti l’umore dipende anche dal tipo di alimentazione che si segue. Vediamo quali sono i cibi che andrebbero assunti regolarmente per prevenire il malumore.

Dieta per prevenire la depressione

Non tutti lo sanno, ma il modo in cui si mangia va a modificare l’umore. Ci sono alcuni cibi che, se consumati regolarmente, permettono di allontanare il malumore in maniera efficace e naturale. In particolare, i vegetali dovrebbero far parte di qualunque dieta che si pone lo scopo di prevenire la depressione. Tra la verdura, suggeriamo di consumare grandi quantità di funghi che sono un vero e proprio antidepressivo naturale. Anche le cipolle, i carciofi, la cicoria, i finocchi, i porri e le barbabietole sono utili all’umore perchè contengono grandi quantità di insulina.

Ci sono anche altri alimenti che favoriscono la serenità mentale. Tra questi ricordiamo i mirtilli, che sono capaci di ridurre l’infiammazione del cervello che risulta collegata a depressione e cattivo umore. Anche gli altri frutti di bosco (more, lamponi, ribes e cranberries) sono utili perchè ricci di antocianine. Tra gli altri alimenti citamo anche quelli vegetali e fermentati: verdure fermentate, kefir, miso e kombucha contrastano in modo naturale il cattivo umore.

Vanno aggiunte alla dieta anche le spezie e le erbe aromatiche. Questi alimenti hanno grandi virtù e il principale antidepressivo risulta essere lo zafferano. Nonostante sia bene assumere grandi quantità di alimenti vegetali, non si deve dimenticare di consumare anche cibi di origine animale. Durante la settimana questi alimenti vanno consumati con moderazione, infatti andrebbero assunti quattro volte in totale. Il glucosio è in grado invece di dare uno sprint al cervello facendolo lavorare in maniera perfetta.