Aria nell'intestino: rimedi naturali

·2 minuto per la lettura
aria intestino
aria intestino

L’aria nell’intestino è un disturbo che riguarda un gran numero di persone ogni giorno. Per ritrovare il benessere e dire addio al problema è possibile sfruttare i benefici forniti da alcuni rimedi naturali: scopriamo quali sono i migliori.

Semi di finocchio contro l’aria nell’intestino

I semi di finocchio hanno una straordinaria azione carminativa e antispastica. Questo prodotto è ricco poi di flavonoidi e di conseguenza è utile in generale per migliorare la salute dell’organismo.

Tra i benefici del finocchio uno dei principali consiste nella sua capacità di migliorare il metabolismo e di facilitare l’eliminazione delle tossine. I semi sono ricchi di anetolo e di fenicone che agiscono sullo stomaco e migliorano la digestione. Questo prodotto è ideale anche per combattere la flatulenza e il meteorismo andando a regolare la salute dell’intestino.

L’azione antifermentativa dei semi di finocchio è utile per prevenire la formazione dei gas intestinali e riesce anche ad attenuare i possibili sintomi della colite spastica.

Carbone vegetale contro l’aria nell’intestino

Il carbone vegetale è uno dei più noti e validi rimedi naturali contro l’aria nell’intestino. Questo prodotto ha un’azione antiacida, antifermentativa, astringente, antitossica.

Lo si puù assumere tramite compresse poco prima di mangiare per ridurre il senso di gonfiore dopo il pasto. La sua capacità adsorbente contrasta efficacemente gli effetti del meteorismo e dell’aerofagia perchè il carbone vegetale assorbe i gas in eccesso e quindi regala benessere.

Zenzero contro l’aria nell’intestino

Lo zenzero è un rimedio natuale davvero valido per molti scopi. Questo prodotto infatti non è solo ottimo nel caso di nausea, ma è anche in grado di migliorare la digestione facendo così diminuire i gas presenti nell’intestino.

In Giappone e in Cina è abitudine consumare dello zenzero fresco alla fine dei pasti per migliorare la salute di tutto l’apparato gastrointestinale. Questa radice infatti rinfresca l’alito, elimina le tossine dall’esofago e agisce da digestivo fungendo anche da carminativo.