Astrazeneca a persone con meno di 60 anni: il commento di Antonella Viola

·2 minuto per la lettura
vaccino Astrazeneca under 60
vaccino Astrazeneca under 60

Dopo la sospensione del vaccino Astrazeneca per militari e forze dell’ordine, il generale Figliuolo ha dichiarato che si sta valutando di estenderne l’uso. In particolare, il piano prevederebbe la somministrazione del vaccino AstraZeneca agli under 60. La decisione sarebbe motivata dagli studi condotti finora. A tal proposito, Figliuolo ha dichiarato: “Ne sto parlando con Istituto superiore di sanità, Comitato tecnico scientifico e Agenzia italiana del farmaco”. Il commissario per l’emergenza coronavirus ha ribadito che “i vaccini vanno impiegati tutti”, compreso Astrazeneca, poiché “è consigliato a determinate classi, ma l’Ema dice che va bene per tutti. Ci sono effetti collaterali, ma sono infinitesimali. Se non impieghiamo tutti i vaccini il ritmo della campagna non raggiunge gli obiettivi nei tempi prefigurati”.

Dopo l’idea proposta da Figliuolo, l’immunologa Antonella Viola ha precisato: “Non per tutti. Il rischio di effetti collaterali gravi è raro, ma maggiore nelle donne giovani”.

Vaccino Astrazeneca agli under 60: il commento dell’immunologa Viola

Sul suo profilo Twitter, Antonella Viola ha sottolineato: “AstraZeneca sotto i 60 anni? Non per tutti. Il rischio di effetti collaterali gravi è raro, ma maggiore nelle donne giovani. Vacciniamo allora tutti gli uomini e teniamo fermo il limite di età nelle donne. Basta con la medicina che non considera il nostro sesso”.

L’immunologa Viola appova l’uso del vaccino Astrazeneca per gli uomini con meno di 60 anni, affinché si possa accelerare la campagna vaccinale e anticipare l’immunità di larga parte degli italiani. Tuttavia, ha evidenziato i possibili rischi a cui le donne vanno incontro e sui quali è bene porre particolare accortezza.

Vaccino Astrazeneca under 60, le dichiarazioni di Andreoni

Dello stesso parere è Massimo Andreoni, primario di Malattie Infettive di Tor Vergata. Intervenuto ad Agorà, la trasmissione in onda su Rai 3, ha commentato: “Se si entrasse nell’ordine delle idee di vaccinare con Astrazeneca anche sotto i 60 anni, e io non sarei contrario, magari si potrebbero creare delle limitazioni che sono anche comprensibili”. Infatti, il primario ha precisato che i rari rischi generati dal vaccino, come le trombosi, hanno coinvolto soprattutto donne. “Si tenga conto che questi eventi eccezionali hanno riguardato sostanzialmente il genere femminile. Quindi si potrebbe cercare di dare una spiegazione tecnica alle scelte che si fanno, cercando di farle capire alle persone”, dichiara Andreoni.

Vaccino agli atleti e Astrazeneca agli under 60

Dopo il commento sulla possibilità di usare il vaccino Astrazeneca con i cittadini under 60, all’inaugurazione dell’hub vaccinale allestito al polo acquatico a Roma, il Commissario per l’emergenza Covid ha mandato un messaggio di speranza per il futuro.

“Vaccineremo a brevissimo gli atleti che devono andare a fare le olimpiadi, perché questo è un segno dell’Italia che riparte”, ha fatto sapere.