Astrid Casali è la bella (bellissima) scoperta di oggi a Venezia 2021

·1 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

Astrid Casali, 28 anni, è cresciuta in teatro (suo padre ne ha fondato uno), vive a Milano e America Latina dei fratelli D’Innocenzo è il suo primo film “da adulta” (ne ha girato uno a 9 anni). Un’altra vita, una prima volta a tutti gli effetti.

«Quando mi hanno presa è stato come essere una bottiglia di champagne appena stappata. Tutto il frizzante che era stato compresso è esploso. All'improvviso, arriva l'occasione giusta e la tua natura si rivela più chiaramente. Torna magicamente tutto il senso. E l'amore, per questo lavoro».

Perché si fatica nei periodi vuoti, quando si finisce per fare altro e il sogno rischia di scolorire. «Sul set ero spaventata, loro lo capivano e mi ripetevano di chiedere sempre tutto, che eravamo insieme in questo percorso e ci saremmo persi insieme». Dirigono come se fossero una persona sola? «Sì, ma anche il contrario. Il primo giorno Fabio è venuto da me e mi ha chiesto: “Che ti ha detto Damiano?”. Io ho risposto e lui: “Fai il contrario”».

Quando Astrid ha saputo, era per strada. «Mi ha scritto Fabio: “Sei tu”». Le è scoppiato il cuore e ha iniziato a girare su se stessa. Per il red carpet ha chiesto consiglio ai very stylish twins? «Non gli ho neanche fatto vedere il vestito di Ermanno Scervino che ho scelto. Sorpresa».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli