Auguri a Greta Thunberg, che per il suo 18esimo compleanno ha solo due semplici desideri

Di Elisabetta Moro
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Sarah Silbiger - Getty Images
Photo credit: Sarah Silbiger - Getty Images

From ELLE

C'è un mondo prima e un mondo dopo Greta Thunberg. O meglio: prima e dopo quel famoso giorno del 2018 (il 20 agosto per la precisione, un venerdì) quando, invece di andare a scuola, la quindicenne si è seduta davanti al Riksdag di Stoccolma per scioperare contro il disinteresse del governo ai rischi del cambiamento climatico. Da allora sono passati tre anni, eppure sembra ieri. Da allora, con i suoi scioperi #FridaysForFuture la giovane svedese ha cambiato il modo in cui percepiamo e parliamo del climate change, ha attirato l'attenzione dei leader mondiali, parlato all'Assemblea Generale dell'ONU, mobilitato migliaia di giovani in ogni angolo del pianeta per chiedere che la crisi ambientale venga trattata come priorità. Tutto questo - compreso diventare persona dell'anno per il TIME - Thunberg l'ha fatto prima di raggiungere la maggiore età. Solo ieri, infatti, la ragazza svedese con le trecce che in questi anni abbiamo imparato a conoscere, ha compiuto 18 anni e, per l'occasione, ha rilasciato un'intervista parlando del futuro, di suoi obiettivi e anche di due semplici desideri di compleanno.

"Non sono il tipo di persona che festeggia i compleanni", ha raccontato la ragazza al Sunday Times, ma se dovesse scegliere il regalo perfetto, chiederebbe senz'altro "la promessa da parte di tutti di fare del loro meglio" per proteggere l’ambiente. E poi delle luci nuove per la sua bicicletta, unico mezzo di trasporto - rigorosamente green - davvero amato dall'ambientalista più famosa di sempre. "Qui in Svezia in inverno fa molto buio", ha commentato. Per il resto sui suoi social ha postato una foto di ringraziamento agli auguri dove, con il suo noto sarcasmo, prende in giro i complottisti che negano il cambiamento climatico: "Stasera potrete trovarmi al pub qui vicino a svelare tutti gli oscuri segreti dietro la cospirazione per il clima e lo sciopero scolastico e i miei malvagi genitori che non possono più controllarmi! Sono finalmente libera!". Touché.

Photo credit: John Lamparski - Getty Images
Photo credit: John Lamparski - Getty Images

Greta Thunberg da un lato è un'adolescente come tutti gli altri alle prese con la scelta dell'Università e i suoi problemi personali (l'autismo, l'anoressia, un passato di bullismo a scuola), dall'altro è la voce che ha sfidato le politiche ambientali di leader come Donald Trump, Puntin e Bolsonaro ricevendo in cambio attacchi e critiche (Trump le ha detto di "rilassarsi e guardare un film con gli amici" e lei gli ha dato (giustamente) lo stesso consiglio durante le ultime elezioni). La sua vita è all'insegna del rispetto dell'ambiente, di pari passo al suo attivismo: ha rinunciato a prendere l'aereo, è vegana e non compra più vestiti, eppure a lei questi non sembrano davvero dei sacrifici. "Non ho bisogno di vestiti nuovi", spiega, "Conosco persone che ne hanno e chiedo loro se posso prenderli in prestito o se hanno qualcosa di cui non hanno più bisogno. Non ho bisogno di volare in Thailandia per essere felice. Non ho bisogno di comprare vestiti che non mi servono, quindi non lo vedo come un sacrificio".

Secondo Thunberg, non ha senso stare a speculare sul futuro pensando a scenari apocalittici che portano ansia e depressione, quello che conta è fare il massimo nella vita di tutti giorni. Eppure la neo diciottenne non giudica chi si comporta diversamente da lei o chi sceglie di avere figli nonostante le conseguenze ambientali: "Non dico alle persone cosa devono fare", spiega al Sunday Times ,"Non penso che sia egoista avere figli, non sono le persone il problema, è il nostro comportamento". Resta il fatto che essere Greta Thunberg non è per nulla facile e nemmeno la fama a 18 anni è cosa semplice da gestire. "È difficile trovare gente che capisce com’è la mia vita", racconta infatti, "ma ciò non vuol dire che sono sola. Ho tante persone dalla mia parte". E noi, cara Greta, siamo tra queste, puoi starne certa!