Aurora Ramazzotti paladina della skin positivity racconta il suo percorso per combattere l'acne

Di Marzia Nicolini
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images

Il momento della verità: Aurora Ramazzotti, 24 anni e una presenza sempre più importante sui social, ha scelto Instagram per raccontare con parole semplici e dirette il lungo, faticoso percorso intrapreso per curare la sua acne. Non è la prima volta che ne parla: quest'estate una sua foto senza trucco con tanto di acne in primo piano era diventata virale in poche ore, suscitando un dibattito importante sul tema della skin positivity (abbracciato di recente anche dall'attrice Matilda De Angelis). Una patologia cutanea sempre più diffusa, anche fra gli adulti. Un problema che dovrebbe essere sempre affrontato con l'aiuto di un esperto qualificato e, aspetto non secondario, empatico. Evitando in ogni modo il fai da te.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il post di Aurora Ramazzotti sull'acne ci fa emozionare

Vi riportiamo integralmente il post di Aury, perché troviamo si tratti di un contenuto estremamente importante, che troverà grande risonanza in tutte le persone (tante) che hanno avuto problemi di acne o che la stanno affrontando proprio ora. "È quasi un anno da quando ho iniziato il mio percorso per curare l’acne. Sì, insomma, l’ultimo percorso che mi ero concessa prima di arrendermi al fatto che non sarebbe mai andata via. Prima di iniziarlo avevo provato di tutto. Ho fatto ogni esame possibile immaginabile (veramente), smesso di mangiare molti alimenti a cui pensavo di essere intollerante e visto tanti di quegli specialisti da perdere le speranze. Perché combattere con la propria pelle è così: se non l’hai provato non puoi capire quanto sia frustrante non riuscire a trovare la causa. Ogni tentativo è un terno al lotto e, quando va male, una sconfitta da incassare ed elaborare.

Ebbene quest’anno posso dire che è stato diverso, perché la causa non mi interessava più trovarla. Mi sono abbandonata alle mani di una persona che, a pelle (ironia della sorte?) mi ispirava fiducia. Ho imparato a fidarmi, ad apprezzare il percorso (turbolento, a tratti incomprensibile) ad amare la mia pelle e a non volerla nascondere anche quando faticavo a guardarmi allo specchio. Tanto che ultimamente lo stesso specchio ha perso d’importanza, non ci combatto più, e quando mi ci imbatto non mi sento di festeggiare per i risultati ottenuti perché ho capito che la pelle ci parla. Al posto di maltrattarla con prodotti che non fanno che peggiorare la situazione e appesantirla con farmaci non necessari- condizionati da ciò che leggiamo e vediamo in giro- va curata, nel vero senso della parola, con costanza, delicatezza e amore.

Da lì in poi sarà lei a farci capire quando sta bene o male. Basta saperla ascoltare e accettarla per quello che è. E soprattutto, anche se è difficile, non mollare mai il colpo perché un giorno, come me oggi, ti fermerai a pensare al percorso e ti verrà da sorridere. Auguro a tutti di trovare una persona che sappia trasmettergli l’amore per la pelle anche quando ci sembra che non ci sia proprio niente da amare. Vi prometto che alla fine del percorso quasi non vi ricorderete più dei momenti in cui avreste voluto strapparvela quella maledetta pelle. Al contrario, la ringrazierete per avervi insegnato a fregarvene", conclude Aurora Ramazzotti, affiancando alla sua lunga confidenza social un selfie nel quale mostra la sua pelle per quella che è, senza filtri, senza effetti camouflage.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Acne, il punto di vista dell'esperta

Come ricorda il medico estetico Dvora Ancona (www.dvora.it), "occorre fare dei distinguo, dato che l'acne può essere più o meno intensa, richiedendo un approccio differente e completamente personalizzato. Nelle situazioni più lievi è possibile affidarsi a prodotti per uso topico contenenti retinoidi, previo visita da un preparato dermatologo, per scegliere la tipologia di cosmetico più adatta al proprio tipo di pelle. Molto utilizzati ed efficaci sono i prodotti a base di acido salicilico, zolfo, perossido di benzoile, retinolo e, nei casi di acne più gravi, isotretinoina. Spesso a noi donne capita che il disturbo di acne sia causato da un'alterazione dei livelli ormonali, a sua volta dovuta all'attività delle ovaie: in questi casi i rimedi più efficaci sono le terapie ormonali, a partire dall'assunzione della pillola anticoncezionale (sempre previo colloquio specialistico). Ricordate che, durante i trattamenti di cura dell'acne, sarebbe sempre bene evitare di truccarsi, preferendo sempre cosmetici skincare non occlusivi, per far sì che la pelle possa respirare. Molto importante anche la detersione: sì a un prodotto di pulizia day & night ultra delicato, arricchito da attivi seboregolatori e astringenti". Nel frattempo, non ci resta che ringraziare Aurora Ramazzotti per la sua testimonianza senza censure e per il suo approccio consapevole e positivo all'acne. Di vera ispirazione.