Aurora Ramazzotti parla di salute mentale su Instagram, e di come la psicoterapia l’ha salvata

Di Elisabetta Moro
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Vincenzo Lombardo - Getty Images
Photo credit: Vincenzo Lombardo - Getty Images

From ELLE

Per carità, mica male essere figlia d'arte con un padre pieno di talento come Eros Ramazzotti e una madre role model come Michelle Hunziker bella, intelligente e ammirata da tutti. Eppure Aurora Ramazzotti non si è mai tirata indietro nel parlare anche dei lati negativi di crescere sotto i riflettori, tra paragoni, aspettative e critiche continue. Del resto se c'è qualcosa che contraddistingue la ventiquattrenne è proprio il suo dire le cose come stanno e mostrarsi così com'è, specie ai suoi 2 milioni di follower su Instagram a cui - tra una foto e l'altra - regala anche qualche confessione sulle sue fragilità e debolezze che si trasformano in preziose perle di saggezza. Un esempio? La foto struccata con l'acne e senza filtri postata per sollevare il problema dei condizionamenti estetici sui social. Un altro? Le ultime dichiarazioni sulla salute mentale, in cui Aurora Ramazzotti ha parlatodell'importanza della psicoterapia che l'ha aiutata tanto.

"Ho sofferto la cattiveria e la falsità della gente, i canoni di bellezza della società e l’opportunismo", spiega Aurora Ramazzotti rispondendo alle domande dei suoi follower e raccontando dei suoi periodi più difficili e di come sia riuscita ad uscirne. "Ho solo da ringraziare i miei genitori per avermi trasmesso le loro passioni e avermi insegnato a essere forte", aggiunge. La sua adolescenza, da quanto racconta, non è stata facile: "Mia mamma era giustamente molto severa e io bramavo libertà, ero ribelle e avrei fatto di tutto per trasgredire le regole", spiega Ramazzotti che però rassicura i follower più giovani: crescendo le cose cambiano e si ottengono maggiore stabilità e consapevolezza. "Ora la ringrazio per avermi educata così e se mia figlia dovesse essere com’ero io, probabilmente la bastonerei". Quando poi qualcuno le chiede se abbia mai fatto un percorso di psicoterapia lei risponde sicura e senza esitazione: "Vero, mi sta aiutando tanto".

In Italia la psicoterapia sta venendo "sdoganata" solo negli ultimi anni e per alcune persone intraprendere un percorso terapeutico per la propria salute mentale è purtroppo ancora un tabù. Secondo i dati ISTAT, nel 2018 solo il 15% della popolazione adulta con disturbo depressivo o di ansia cronica grave si è rivolta a uno psicologo o psichiatra mentre nel 2017 il 70% degli italiani riteneva ancora che la psicoterapia fosse inutile. Ultimamente le cose stanno cambiando, si parla di più di benessere psicologico, si sta normalizzando l'idea di andare da un terapeuta e c'è l'esigenza che lo Stato si occupi sempre più anche della salute mentale dei cittadini tramite il servizio sanitario nazionale (del resto non tutti possono permettersi di pagare le sedute privatamente).

La pandemia, poi, ha reso il problema ancora più urgente incidendo profondamente sulla salute mentale delle persone tanto che a oggi, secondo un'indagine dell'Ordine degli psicologi, il 62% degli italiani vorrebbe un supporto psicologico per tornare alla normalità. Se di questi argomenti si discute più tranquillamente e ci si sente più liberi di rivolgersi a uno psicoterapeuta, però, è anche merito di chi, come Aurora Ramazzotti, ha saputo parlare apertamente (anche sui social) della propria esperienza normalizzando la necessità di chiedere aiuto quando qualcosa non va. Esporsi non è mai facile, ma Aurora, ormai lo sappiamo, non è certo una che si tira indietro.