Austin Butler in ospedale dopo l’ultimo ciak di ‘Elvis’


Austin Butler è stato portato d'urgenza in ospedale per sospetta appendicite subito dopo aver terminato le riprese del nuovo film "Elvis".
L'attore, che interpreta proprio la leggenda della musica Elvis Presley nella nuova pellicola di Baz Luhrmann, ha raccontato di essersi sentito male dopo nemmeno 24 ore dall’ultimo ciak.
Durante un'intervista rilasciata al nuovo numero di GQ ha detto: "Il giorno successivo la fine delle riprese mi sono svegliato alle quattro del mattino con un dolore lancinante e sono stato portato d’urgenza in ospedale. Ho avuto la sensazione che il mio corpo si stesse spegnendo".
Butler ha sottolineato che il suo malessere è stata causato da un virus che ha simulato i classici sintomi di un’appendicite e che lo ha costretto ad un riposo totale per circa una settimana.
Il 30enne è entrato nei panni di Elvis per il film biografico del cantante.
La star di Hollywood ha rivelato di essersi completamente perso nel personaggio mentre si immergeva sul mondo magico.
"Puoi perdere il contatto con chi sei in realtà. E mi è capitato, quando ho finito di girare il film non sapevo più chi ero", ha dichiarato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli