Babbo Natale ha l'autocertificazione: Conte risponde a un bambino

Primo Piano
·3 minuto per la lettura
Babbo Natale ha l'autocertificazione: Conte risponde a un bambino (Getty Images)
Babbo Natale ha l'autocertificazione: Conte risponde a un bambino (Getty Images)

“Qualche giorno fa ho ricevuto questa lettera da parte di Tommaso, un bimbo di 5 anni di Cesano Maderno, il quale mi ha rivolto una richiesta molto particolare”: lo ha scritto il premier Giuseppe Conte su Facebook. Nei commenti al post condiviso da Conte, sono in molti a pensare che la lettera non possa essere stata scritta realmente da un bambino: c’è chi pensa che sia stata scritta dai genitori, chi crede che sia stato lo stesso ufficio del premier a prepararla.

GUARDA ANCHE - Chi è Giuseppe Conte?

La lettera scritta da Tommaso inizia così: “Caro Presidente Conte, mi chiamo Tommaso Z., abito a Cesano Maderno (MB), ho 5 anni e frequento la Scuola dell’infanzia Sant’Anna. In famiglia e a scuola seguiamo tutte le regole e le Sue disposizioni; igienizziamo sempre le manine, stiamo a distanza dalle altre persone e gli adulti mettono la mascherina”.

“Questa mattina - ha aggiunto il piccolo - ho chiesto alla mamma quanti giorni mancano a Natale perché sono preoccupato per Babbo Natale. Volevo chiederLe se può fare un’autocertificazione speciale per consentirgli di consegnare i doni a tutti i bimbi del mondo”.

“So che Babbo Natale è anziano ed è pericoloso andare nelle case, ma lui è bravo e metterà sicuramente la mascherina per proteggersi. Le prometto che, oltre al lattino caldo ed ai biscotti, metterò sotto l’albero anche l’igienizzante. Le auguro buon lavoro e spero che potrà fare questa eccezione solo per lui... aspetto la sua risposta almeno lo posso dire ai miei amici”.

GUARDA ANCHE - Crisanti: “Lockdown dopo Natale”

Questa la risposta di Conte: “Caro Tommaso, ho letto il tuo messaggio e voglio rassicurarti. Babbo Natale mi ha garantito che già possiede un’autocertificazione internazionale: può viaggiare dappertutto e distribuire regali a tutti i bambini del mondo. Senza nessuna limitazione. Mi ha poi confermato che usa sempre la mascherina e mantiene la giusta distanza per proteggere se stesso e tutte le persone che incontra”.

“L’idea di fargli trovare sotto l’albero, oltre al latte caldo e ai biscotti, anche del liquido igienizzante mi sembra ottima - ha continuato -. Una buona strofinata gli permetterà di disinfettare ben bene le mani e di ripartire in piena sicurezza. Sono contento di sapere che tu e i tuoi compagni rispettate con scrupolo tutte le regole, in modo da proteggere anche mamma e papà, i nonni, e le persone più care. Per questo motivo ti annuncio che non sarà necessario precisare nella letterina a Babbo Natale che sei stato bravo: gliel’ho detto io. Gli ho raccontato che quest’anno in Italia è stato un anno molto difficile e tu e tutti i bambini siete stati adorabili”.

“Ho saputo - ha aggiunto il premier - anche che vuoi chiedere a Babbo Natale di mandare via il coronavirus. Non sprecare l’occasione di chiedere un regalo in più. A cacciare via il coronavirus ci riusciremo noi adulti, tutti insieme. Così tu e i tuoi compagni potrete tornare presto a giocare liberi e felici e ad abbracciarvi tutti. Spensierati come sempre. Un forte abbraccio, Giuseppe Conte”.