Balenciaga ricrea lo storico atelier di Cristóbal per il suo ritorno alla couture (dopo 53 anni)

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Victor VIRGILE - Getty Images
Photo credit: Victor VIRGILE - Getty Images

Sono passati 53 anni dalla chiusura degli atelier di alta moda della maison Balenciaga. Dopo l’annuncio del grande ritorno dell’haute couture sotto la firma del nuovo direttore creativo Demna Gvasalia, già responsabile delle collezioni prêt-à-porter, la maison francese fondata dal celeberrimo Cristóbal oggi si prepara a svelare (anche) una location d’eccezione. Una versione rinnovata, eppur fedele all’originale, del salone della couture Balenciaga.

Certo è che la sfilata alta moda di Balenciaga è già uno degli eventi più attesi della prossima settimana della moda di Parigi, nel cui calendario è programmata in data 7 luglio. Niente alternative digitali: la sfilata si terrà in presenza presso un indirizzo storico: il numero 10 dell’Avenue Georges V da cui – stando a quanto dichiarato dalla maison alla fonte – il marchio ha attinto anche per il nome di una delle sue fragranze. Proprio lì, presso quello stesso indirizzo, sono stati rinnovati gli spazi al secondo piano dell’edificio, atti a riportare alla luce le sembianze di quello che è stato, nella storia della casa di moda, il primo vero atelier.

Photo credit: Lipnitzki - Getty Images
Photo credit: Lipnitzki - Getty Images

Altrettanto certo è che la presentazione della collezione Balenciaga haute couture questo luglio a Parigi sarà rivelatoria e catartica, vissuta da astanti e non come un climax che finalmente giunge dopo un crescendo di attesa. Come sottolinea infatti wwd.com, i piani iniziali prevedevano che la sfilata avesse luogo lo scorso luglio 2020 (successivamente saltati, anzi, posticipati) a causa della pandemia da Covid-19. In un clima di totale limitazione per l’industria della moda, non è comunque venuto meno il patto che Demna Gvasalia ha stretto con il suo estro artistico. “La couture rappresenta libertà creativa e libertà nella moda – ha affermato il direttore creativo in un’intervista rilasciata alla fonte lo scorso settembre 2020. - Magari è proprio questo il motivo per cui voglio riproporla a tutti i costi. Credo fortemente che la couture possa salvare la moda, attraverso un’ottica moderna”.

Questo luglio, assistere dopo 53 anni al ritorno della couture di Balenciaga sarà più che mai il segno tangibile della moda che riparte. Della moda che resiste. Ma anche della moda che celebra il passato, nello storico atelier ricreato per la grande occasione.