Bambini testardi che vogliono avere l'ultima parola: ecco come rispondere

bambini testardi
bambini testardi

Come affrontare i bambini testardi che vogliono sempre avere l’ultima parola? Vi spieghiamo le cause di queste lotte di potere, più alcune strategie per aiutarvi a risolvere i conflitti senza urlare.

Perché i bambini testardi sono coinvolti in lotte di potere

In primo luogo, le lotte di potere sono abbastanza normali, ma non sono necessariamente un’esperienza piacevole per i genitori. Inoltre, non si tratta solo di bambini piccoli. Le lotte di potere possono esistere anche durante l’adolescenza e persino nella prima età adulta. Le lotte di potere spesso si verificano perché i bambini e i giovani non si sentono molto potenti. I nostri figli ci vedono come adulti che hanno potere, o almeno questa è la percezione. Gli adulti devono anche seguire le regole e i limiti, ma i bambini non lo vedono. Ci vedono come “creatori” di regole e ci vedono come autonomi e capaci di fare le nostre scelte.

Strategie per gestire le lotte di potere

Offrire scelte

Date loro un senso di potere e di controllo offrendo delle scelte (quando è sicuro e appropriato). Se i bambini hanno bisogno di sentirsi in controllo, allora ha senso offrire loro delle opportunità nel loro mondo per essere responsabili di alcune decisioni. Fate questo all’interno della vostra zona di comfort e create una situazione in cui il bambino si senta padrone della situazione.

Considerate una non risposta

È proprio necessario rispondere? Quando vostro figlio cerca di coinvolgervi in una lotta di potere, valutate se è il caso di intervenire. È sicuramente una tentazione e a volte sentiamo il bisogno di intervenire e di avere l’ultima parola perché ci preoccupiamo di cosa significherebbe se i nostri figli “vincessero”.

come rispondere ai bambini testardi
come rispondere ai bambini testardi

Concedetevi una pausa

Concedetevi un time out per calmarvi e riflettere sulla vostra risposta invece di reagire. Prendete un momento per voi stessi e fate un respiro profondo (o più di uno!). Invece di reagire, il momento che vi prendete può aiutarvi a trovare la prospettiva per rispondere con calma. A volte rispondiamo istintivamente alla lotta per il potere con il nostro bisogno di sentirci potenti e in controllo. Ma non sempre è necessario e potrebbe essere dovuto ad abitudini radicate piuttosto che a scelte genitoriali a cui ci allineeremmo.

Aiutateli a gestire i grandi sentimenti

I nostri figli non nascono sapendo cosa sono le emozioni o perché si manifestano. Questo avviene solo con l’esperienza e l’apprendimento da parte delle persone che li circondano (in particolare i genitori). Immaginate di provare un’emozione come la rabbia senza conoscerne il significato. Il cuore batte all’impazzata, i muscoli si stringono o si sente lo stomaco che si impenna. Potreste stringere i denti o sentire quel calore interno e quell’irritazione. I grandi sentimenti possono lasciare i bambini confusi e sentirsi fuori controllo. Ricordate, inoltre, che riconoscere le emozioni di un bambino non fa di lui una persona debole.