Bambino: come insegnare ad accettare la perdita

·3 minuto per la lettura
accettare la perdita
accettare la perdita

Accettare la perdita non è molto semplice, ma può rivelarsi particolarmente benefico in futuro. Sebbene sia perfettamente naturale per vostro figlio essere deluso quando perde qualcosa per cui ha lavorato duramente, come la partita di calcio del campionato, è importante che impari ad accettare la perdita senza sentimenti di amarezza o bassa autostima. Un bambino che non impara a perdere con grazia ha difficoltà a farsi degli amici ed è spesso frustrato dai fallimenti. Ecco alcuni modi per incoraggiare un musone ad addolcirsi e ad assumere un atteggiamento sportivo.

Come insegnare ad accettare la perdita

Giocate sul senso di empatia di vostro figlio. A questa età, sta iniziando a sviluppare la capacità di mettersi al posto di un’altra persona. Ora può iniziare a capire che arrabbiarsi quando non vince ferisce i sentimenti delle persone con cui sta giocando. Chiedetegli di pensare a come si sentirebbe se qualcuno si arrabbiasse con lui quando ha fatto qualcosa di cui è orgoglioso. Ditegli che va bene essere triste per aver perso, ma che dovrebbe cercare di non ferire gli altri per questo. L’empatia è uno dei principali valori da insegnare al bambino.

Fare giochi cooperativi. I giochi non competitivi eliminano del tutto la vittoria e la sconfitta e aiutano il bambino a imparare cosa significa giocare in una squadra. Provate a colpire un pallone avanti e indietro, o giocate una partita a dama cinese in cui l’idea è quella di avere le vostre biglie dalla sua parte e le sue dalla vostra più o meno nello stesso momento. Man mano che i bambini diventano più grandi, dovranno iniziare a giocare con i compagni di squadra per raggiungere un obiettivo comune, e i giochi cooperativi danno loro una grande base per questo.

Enfatizzare lo sforzo, l’abilità e il divertimento. È banale ma vero: “Non è importante se si vince o si perde, ma come si gioca”. Il vostro compito è far sì che vostro figlio prenda a cuore tutto ciò. Dopo che ha fatto un gioco con un amico, chiedete: “Vi siete divertiti?” invece di “Chi ha vinto?”. Offrite complimenti per qualsiasi cosa fatta bene, non importa quanto piccola possa sembrare. Più riuscite a far riflettere vostro figlio sullo sviluppo delle abilità necessarie per essere un buon giocatore – indipendentemente dal risultato – meno importante diventa vincere.

insegnare bambino accettare la perdita
insegnare bambino accettare la perdita

Insegnate a vostro figlio come vincere e perdere bene. Mostrategli cosa significa essere un buon vincitore e un buon perdente. Ditegli che i buoni vincitori non si vantano delle loro vittorie e non si prendono gioco delle abilità di un altro giocatore. E aiutatelo a diventare un buon perdente dandogli l’opportunità di perdere mentre gioca contro di voi. Sembra duro, ma non imparerà mai l’abilità se non la pratica. La cosa più importante è che non lasciate che vi veda come un povero sportivo. Prendete bene le perdite e congratulatevi sempre con il vincitore.

Se il vostro bambino si arrabbia regolarmente quando perde, potreste aver bisogno di prendere una pausa dal gioco. Concentratevi su altre aree della sua vita in cui possa sentirsi bene. E insegnategli che gli errori vanno bene, non reagendo duramente quando ne commette uno. Per esempio, invece di arrabbiarsi per un brutto voto a scuola, parlate di cosa può fare per migliorare. Col tempo, dovreste vedere dei miglioramenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli