Bambino e streptococco: cosa succede se continua ad ammalarsi

·2 minuto per la lettura
streptococco
streptococco

Alcuni bambini hanno infezioni ricorrenti da streptococco, grazie a una combinazione di sfortuna e anatomia. Ecco cosa succede: avere un’infezione spesso crea una certa immunità contro i batteri che hanno causato la malattia. Le tonsille di un bambino che ha avuto uno streptococco, tuttavia, a volte sembrano invece attirare i batteri. Quando il vostro bambino ha un’infezione da streptococco, le sue tonsille e adenoidi si ingrandiscono. Invece di ridursi dopo che l’infezione è stata eliminata, il gonfiore a volte rimane, lasciando le tonsille vulnerabili.

Se vostro figlio è poi esposto di nuovo ai batteri dello streptococco – da un fratello o da un compagno di giochi a scuola, per esempio – potrebbe infettarsi.

Bambino e streptococco: cosa succede se continua ad ammalarsi

Avere due infezioni da streptococco in un mese non è troppo insolito o un motivo di preoccupazione. Se vostro figlio ha avuto tre o più infezioni nel corso di alcuni mesi, il suo medico potrebbe voler provare un antibiotico diverso. Darà anche un’occhiata per vedere se le tonsille sono rimaste infiammate e ingrossate. Se questo è il caso – o se vostro figlio ha sette episodi in un anno, cinque episodi in due anni, o tre episodi all’anno per tre anni – il medico può indirizzare vostro figlio a uno specialista di orecchio, naso e gola per una valutazione. Potrebbe inoltre indirizzare a una possibile tonsillectomia.

Tenete a mente che molte persone, compresi i bambini, normalmente portano i batteri dello streptococco nel naso, quindi risulteranno positivi al test anche se non mostrano sintomi della malattia. Non dovete preoccuparvi della condizione ricorrente, a meno che il vostro bambino non risulti positivo al test e abbia i classici sintomi della gola da streptococco (insorgenza improvvisa di febbre, affaticamento, mal di gola, mal di testa, dolore addominale). Parlate con il medico se avete qualche domanda o preoccupazione sulla salute del bambino.

Ricordate, tuttavia, che alcuni sintomi potrebbero essere riconducibili al COVID-19. I sintomi sono simili a quelli degli adulti. La differenza è che i bambini in genere hanno sintomi più lievi, e possono includere:

  • Naso che cola

  • Tosse

  • Febbre o brividi

  • Dolori muscolari o del corpo

  • Mal di gola

  • Difficoltà di respirazione

  • Estrema stanchezza

  • Perdita del gusto o dell’olfatto

  • Vomito e diarrea (meno comune)

  • Nessun sintomo (asintomatico)

Molti sintomi del coronavirus sono simili a quelli di altre malattie respiratorie, come l’influenza, quindi può essere difficile dire se vostro figlio ha il COVID-19 o qualcos’altro.

Tuttavia, il coronavirus è più probabile se il bambino:

  • Sperimenta la perdita del gusto o dell’olfatto (questo non si verifica con l’influenza)

  • È stato recentemente esposto a qualcuno che ha il COVID-19

Se pensate che vostro figlio possa avere il COVID o siete preoccupati per i suoi sintomi, chiamate immediatamente il medico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli