Bambino timido: come aiutarlo a partecipare a scuola

·3 minuto per la lettura
aiutare un bambino timido
aiutare un bambino timido

Aiutare un bambino timido a partecipare a scuola può essere molto importante per il suo futuro sociale. Non tutti i bambini sono studenti entusiasti e sempre desiderosi di partecipare alle attività in classe. I bambini timidi o riservati di solito esitano a parlare in classe, resistono alle attività di gruppo e possono preferire giocare da soli e in silenzio, lontano dal gruppo.

Devo preoccuparmi per il mio bambino?

È normale essere preoccupati se vostro figlio è riluttante a partecipare alle attività scolastiche, ma cercate di non preoccuparvi troppo. Se vostro figlio è in età prescolare, forse sta ancora imparando a interagire con gli altri bambini e a partecipare ai gruppi. I bambini dell’asilo e quelli delle prime classi che vanno d’accordo con gli altri bambini possono continuare ad adattarsi all’ambiente sociale della scuola. Può volerci del tempo prima che si sentano a loro agio con le regole e le routine della classe.

Con il passare del tempo, vostro figlio potrebbe abituarsi alla scuola ma sentirsi ancora ansioso di partecipare. Proprio come le personalità sono diverse, i bambini variano enormemente nel modo in cui si impegnano nelle attività scolastiche. Alcuni bambini impiegano più tempo di altri per adattarsi a una nuova scuola, alla routine giornaliera della classe o all’insegnante, ma alla fine si aprono. Altri rimangono timidi – e non c’è niente di male in questo. La normale timidezza non è un problema da risolvere.

Il vostro bambino non ha bisogno di essere uno studente entusiasta e in prima linea per imparare. Tuttavia, attenuare anche solo un po’ le sue paure può rendere la scuola un’esperienza di apprendimento più piacevole.

aiutare un bambino timido a scuola
aiutare un bambino timido a scuola

Come aiutare un bambino timido?

Non pressatelo. “La prima cosa in assoluto a cui i genitori devono pensare è rispettare il punto in cui si trova il loro bambino in classe e portarlo avanti in modo molto graduale, invece di pressarlo”, dice Meg Zweiback, infermiera professionista e consulente familiare presso l’Università della California.

Parlate con l’insegnante. Incontrate il suo insegnante per discutere di come vostro figlio si comporta in classe e chiedete cosa potete fare per contribuire a rendere la classe un luogo coinvolgente e confortevole. Confrontate le note tra la scuola e la casa. Quali sono le attività che vostro figlio ama a casa e che non fanno parte del programma delle lezioni? Cosa non piace a vostro figlio che ci si aspetta che faccia a scuola? Elaborate un piano con l’insegnante per sostenere vostro figlio.

Portate a scuola i suoi interessi. Per esempio, se vostro figlio ama studiare gli insetti a casa, ma gli insetti non fanno parte del programma di scienze, lasciategli portare il materiale a casa in classe. Assicuratevi che l’insegnante non costringa vostro figlio a fare una presentazione formale, ma chiedete di organizzare un’opportunità per vostro figlio di parlare o rispondere alle domande. L’insegnante potrebbe tenere una discussione usando il materiale di vostro figlio come supporto visivo, o creare una stazione di insetti basata sulle sue forniture.

Anche se vostro figlio non parla subito, il solo fatto di avere le sue cose preferite in classe può alleviare la sua timidezza. È un modo per lui di partecipare e sentire un senso di appartenenza senza essere verbale, il che è un inizio. Anche condividere un libro che vostro figlio ama può aiutare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli