Barilla lancia un contest per chi disegna un nuovo formato di pasta, imperdibile

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura

From ELLE

Barilla è in cerca di idee per un nuovo formato di pasta. La storica azienda italiana vuole lanciare sul mercato prodotti innovativi e materie prime originali capaci di rivoluzionare l'esperienza gastronomica dei consumatori. Con quest'idea nasce il contest “Barilla New Pasta Shape”, un'iniziativa che consente a chiunque lo desideri di cimentarsi nell'invenzione di un nuovo tipo di pasta secca da sottoporre al team di esperti del brand, che valuteranno gli aspetti estetici, funzionali e gastronomici del prodotto.

Fino al prossimo 4 giugno, chiunque (maggiorenne e di qualsiasi nazionalità) potrà proporre la propria idea per un nuovo tipo di pasta secca, che veicoli e trasmetta "i valori del marchio Barilla”, con la piena libertà di spaziare nelle forme (corta o lunga), nella finitura (dal super liscio al super ruvido) e nelle materie prime. Come si legge nel bando pubblicato sul sito Desall.com, i partecipanti potranno ricorrere anche a prodotti alternativi quali la farina di grano, all'ascesa, al mais, ma anche legumi come lenticchie e ceci, con l'accortezza che la consistenza del nuovo formato di pasta si mantenga anche dopo la cottura, senza scoppiare ed essere appiccicosa. Unico vincolo: non è consentito l'uso di additivi (ad esempio coloranti, emulsionanti aromatizzanti).

Photo credit: Anchiy - Getty Images
Photo credit: Anchiy - Getty Images

Altra raccomandazione riguarda il formato di pasta proposto, che — come si legge nel bando — "dovrà interagire in modo funzionale con il condimento, mescolando, contenendo o trattenendo il sugo per creare un effetto policromatico e fornire un’esperienza gastronomica appagante". Per la pasta corta è ammessa una lunghezza di 45 +/-15 mm e un diametro di 15 +/- 5 mm. Per la pasta lunga una lunghezza 200-300 mm. I progetti caricati online – con testo in lingua inglese, essendo la competizione aperta a partecipanti di tutte le nazionalità – dovranno essere corredati da immagini, meglio se render 3D o prototipi. La giuria valuterà tutti i formati in gara e a luglio decreterà il vincitore, che si aggiudicherà il premio in palio del valore di 4mila euro.