Bazaar People: 27 domande a Devisha Kumari Singh

Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Sana Chowdhary
Photo credit: Sana Chowdhary

From Harper's BAZAAR

Socialite, tastemaker, designer: Devisha Kumari Singh è cresciuta nella città rosa indiana, Jaipur, tra cavalli, feste glamour e ambientazioni stravaganti e colorate. Viaggiatrice curiosa e sperimentatrice, nel suo tempo libero ama trascorre le estati nell'isola di Ponza, in compagnia degli amici, e adora andare alla ricerca di bellissime e rare stampe Suzani - antichi tessuti decorati mediorientali. Attualmente è la Consulting Director of Marketing da Poppy Talk Social, una società di consulenza e marketing che si occupa di lanci di prodotti e brand. A Harper's Bazaar ha raccontato il suo profumo preferito, la sua attuale ossessione, i suoi vizi e virtù.

Chi è la tua icona di stile?

Rajmata Gayatri Devi di Jaipur.

Che cos'è per te l'eleganza?

Il modo di porsi nelle persone.

La tua attuale ossessione?

Antichi tessuti Suzani rimessi a nuovo.

Com'eri al liceo?

Devo essere sincera, ero piuttosto semplice.

Hai un profumo preferito?

Empressa di Penhaligon.

Qual è il sugo che preferisci sulla pasta?

L'Amatriciana, anche se l'indiana in me brama sempre un po' di spezie.

Qual è il tuo hotel preferito?

Rajmahal Palace a Jaipur.

Svelaci il tuo luogo preferito per bere un drink:

Baccarat a New York.

Qual è il tuo negozio preferito?

Le Mill a Bombay.

Qual è il fioraio da cui ami andare?

FleursBELLA a New York.

La tua fuga preferita:

SUJAN Sher Bagh a Ranthambore, nessuno comprende del tutto le esperienze di viaggio di lusso come Anjali e Jaisal Singh.

Hai un portafortuna?

Un ciondolo contro il malocchio che indosso ogni singolo giorno, donato da un caro amico di famiglia alla mia nascita.

Se potessi invitare quattro persone a cena chi sarebbero?

J2acqueline Kennedy Onassis, Freddie Mercury, Caterina la Grande e Genghis Khan per conversazioni scandalose a tavola.

Un negozio in cui vai segretamente:

Riddhi Siddi Textiles a Jaipur.

Una location romantica per un appuntamento:

Un picnic in un campo di fiori selvatici.

Una casa che ami follemente ma che non è la tua?

La casa della mia cara amica Bolka Basaran a Istanbul, una volta arrivata non volevo più andarmene.

Cosa ti dà più stimolo in assoluto?

L’ innovazione.

Se potessi vivere in un'epoca differente, quale sarebbe?

Jaipur negli anni Quaranta - l'età d'oro della città.

Less is more, or more is more?

Meno è sempre di più.

Cosa pensi sia una lezione importante da insegnare alle giovani generazioni?

Sii felice, nessun problema è irrisolvibile.

Un consiglio che vorresti aver ascoltato?

Non mescolare mai lo champagne con la tequila.

Un dipinto che vorresti possedere?

Essendo cresciuta in una scuderia, ho un debole per George Stubbs e i suoi cavalli, in particolare "Whistlejacket".

Un ricordo d'infanzia preferito:

Salvare e allattare un pavone ferito che poi è diventato il mio animale domestico.

Il tuo centrotavola preferito?

La scatola di sigarette vintage di mia nonna.

Il nome del tuo primo animale domestico:

Tiffany.

Un vizio:

Dormire.

Una virtù:

Essere un'amica leale.