Beauty: la top 3 dei brand canadesi

·1 minuto per la lettura

Tra le stelle più famose provenienti dal Paese spiccano Justin Bieber, Ryan Reynolds, Celine Dion, e tanti, tanti altri. Ma occupiamoci del reparto beauty.

Il gioiello canadese più brillante è senza dubbio MAC Cosmetics, uno dei brand più rispettati del mondo. È stato fondato da Frank Toskan e Frank Angelo nella capitale del 1984, Toronto.

Inizialmente i prodotti MAC erano pensati per la vendita esclusiva a professionisti make-up artist, presto espandendosi a tutti per via dell’eccezionale richiesta.

Uno dei prodotti più famosi del marchio è il lipstick Ruby Woo, ma MAC è anche sinonimo di collaborazioni importanti e campagne umanitarie, come quella per AIDS Fund, che raccoglie fondi attraverso la vendita del rossetto VIVA GLAM.

Un altro brand famoso Made in Canada è The Ordinary, nato nel 2016 e pensato per essere economicamente accessibile a tutti. È stato fondato dall’esperto di computer Brandon Truaxe, già a capo dell’azienda beauty DECIEM.

Un anno dopo, il business di Truaxe stava andando così bene che le aziende di Estée Lauder hanno deciso di investire nel brand.

Nel 2019 Truaxe è tragicamente deceduto cadendo dal suo appartamento a Toronto, mesi dopo essere stato sollevato dal suo ruolo di amministratore delegato del brand con l’accusa di comportamento imprevedibile.

Un altro eccezionale marchio canadese è RMS Beauty. La make-up artist Rose-Marie Swift ha fondato il brand nel 2019, riscuotendo un successo immediato tra le celebrity e i consumatori di tutto il mondo.

RMS è nato dalla personale ricerca della Swift sulle patologie causate da sostanze tossiche e metalli pesanti, prima di allora comunemente presenti in tutti i prodotti di bellezza. Per questo il suo brand si differenziava dal resto, ed è subito diventata famosissima per le sue formule naturale e biologiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli