Bellezze e monumenti del cuore pulsante della città di Lecce

lecce piazza del duomo

Tra i luoghi più belli e suggestivi della città di Lecce, la Piazza del Duomo è in cima alla classifica, circondata da monumenti storici ed edifici maestosi. Vediamo, quindi, quali sono i posti da visitare e la storia di questa meraviglioso spiazzo.

Lecce: Piazza del Duomo

Piazza Duomo è una delle piazze principali della città pugliese. Infatti, è proprio qui che si trovano alcuni degli edifici storici più importanti di Lecce. Tra queste, naturalmente, spicca la storica Cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta, il Campanile, l’Episcopio, e il Palazzo del Seminario.

Lo stile artistico che domina la piazza è il barocco.

Questo grande cortile, nei secoli modificato, risale al tempo del vescovo Gerolamo Guidano. Alla piazza si accede attraverso i propilei, realizzati verso la fine del XVIII secolo da Emanuele Manieri. Questi vennero costruiti dopo che sono stati abbattuti gli originali muri d’ingresso.

Una piazza davvero speciale che accoglie la vita della vivace città della Puglia, ma che incuriosisce e mostra alcune particolarità davvero interessanti.

Lecce

Struttura della Piazza

Piazza Duomo è interessante anche dal punto di vista architettonico, e non solo storico. Infatti, si tratta di uno dei rari esempi di “piazza chiusa”, cioè completamente chiusa da tre lati e dispone soltanto di un accesso.

L’unico varco di ingresso è nel punto in cui Via Giuseppe Libertini incontra Via Vittorio Emanuele II.

Piazza del Duomo

Storia e curiosità

Nei secoli passati vi era la tradizione, arrivata la sera, di serrare le porte, delle quali ancora oggi sono visibili gli imponenti mozzi.

A dimostrare che la piazza è un chiaro esempio di barocco troviamo la soluzione a dir poco teatrale della “falsa facciata”. Infatti, basta varcare la soglia del portale per ritrovarsi nella navata laterale della Chiesa. La cattedrale non accoglie, dunque, il visitatore di fronte, ma si trova collocata, rispetto all’ingresso della Piazza, in modo parallelo. La soluzione scenografica venne adottata per evitare che il visitatore si trovasse di fronte ad un muro piatto e senza decori.

L’architetto leccese, che si adoperò per armonizzare l’arredo urbano, realizzò, ai lati dei propilei, i palazzi gemelli. Questi presentano, entrambi al piano terreno, arcature a bugne lisce, oggi in parte chiuse o trasformate in porte e finestre.

A sinistra della piazza si erge imponente il campanile, opera di Giuseppe Zimbalo, mentre al centro la cattedrale e, in posizione più arretrata, l’episcopio. Sulla destra, infine, si trova il seminario.

Una delle curiosità che in pochi conoscono è che Piazza Duomo, in realtà, è proprietà della Curia e non è suolo Comunale.