1 / 3

Posizione e terreno

Essendo una specie perenne, che non necessita di cure particolari una volta messa a dimora, la Bergenia non predilige una posizione particolare per svilupparsi poiché è in grado di crescere bene sia in pieno sole che all’ombra; ovviamente ci sono delle piccole accortezze da osservare, ad esempio in estate, per evitare che le foglie si brucino per l'eccessivo calore, gli esperti giardinieri consigliano riparare la pianta in una zona più ombreggiata. Inoltre, non bisogna trascurarla dal punto di vista delle innaffiature, che devono essere regolari e più o meno abbondanti: sostanzialmente evitare che il terreno sia completamente asciutto. Questo discorso non vale per il periodo invernale. Tra marzo e ottobre, oltre alle regolari somministrazioni di acqua, è necessario aggiungere del concime per piante in fiore all’acqua delle innaffiature, ogni 15-20 giorni oppure optare per una tipologia di fertilizzante a lenta cessione da collocare sul terreno vicino alle foglie. 

Premesso che la Bergenia si adatta a qualsiasi tipo di terreno, il substrato ideale per far sì che cresca rigogliosa e ricca di fiori deve essere ben drenato, soffice, permeabile e dal pH alcalino, ma un terreno di tipo generico non compromette in alcun modo lo sviluppo della pianta. 

E' possibile moltiplicare la pianta in primavera, dividendo i mazzetti con un piccola porzione di radici e metterli subito a dimora, oppure cospargendo il terreno prescelto, arricchito con sabbia e torba in parti uguali, con i semi. Se si desidera coltivare questa specie in vaso, consigliamo vivamente di scegliere una posizione ben esposta alla luce solare e metterla a dimora nei mesi che vanno da aprile a settembre, mentre per i restanti si può scegliere di collocarla in una posizione più ombreggiata. La tipologia di contenitore dove mettere a dimora i mazzetti di bergenia deve misurare non meno di 18 cm , ottimi sia quelli di terracotta che di plastica. Il rinvaso è utile solo quando le radici fuoriescano dal foro di drenaggio. Anche per la coltura all'interno di contenitori, può essere utilizzato qualsiasi tipo di terriccio, da tenere sempre ben drenato soprattutto sul fondo.

La temperatura minima che la Bergenia è in grado di sopportare arriva fino a -25 °C mentre si consiglia di evitare temperature troppo alte che superino i 30 gradi. 

Credits: homify / press profile homify

Bergenia: Coltivazione, Malattie e Cura

Tra i primi fiori che sbocciano sul finire dell'inverno, la Bergenia è certamente uno degli esempi più significativi: questa pianta, appartenente alla famiglia delle Sassifragacee, è originaria delle regioni dell'Asia centrale, dalla Cina settentrionale alla Siberia meridionale e per questo motivo non teme in alcun modo il freddo. La Bergenia è una pianta molto comune, di gran moda agli inizi del '900 come pianta ornamentale in grado di abbellire aiuole e giardini in un periodo dell'anno ancora dominato dalla patina grigia dell'inverno; la sua diffusione è dovuta sia alla capacità di resistere al freddo senza problemi, sia perché è associata alla fine dell'inverno, tant'è che è conosciuta anche come fiore di San Giuseppe.

Questa specie presenta mazzetti con foglie grandi e decisamente folte, il cui colore varia dal rossastro tipico della stagione invernale al verde scuro della stagione estiva, con bordi dentellati e dalla forma tondeggiante oppure a cuore. In piena fioritura, ossia nei mesi da marzo a maggio, la bergenia presenta offre boccioli piccoli e simili a coppe o a piccole campanelle; alla fine dell'inverno, infatti, dal centro dei mazzetti partono dei fusti sottili dai quali sbocciano bouquet fiori dai colori vari che vanno del bianco al porpora e che con il tempo tendono a diventare più scuri. Le principali varietà della pianta sono originate dalla Bergenia Cordifolia, dalla Bergenia Crassifolia e dalla Bergenia Ciliata. Queste specie, tutte con un'altezza massima di circa 40 cm, vengono selezionate per il loro aspetto compatto e robusto e per la colorazione delle foglie e dei fiori.

Scopriamo insieme altre caratteristiche di questa pianta antica.