Billie Eilish versione Marilyn in copertina è "Happier Than Ever" del suo corpo (finalmente)

Di Anna Zucca
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Jeff Kravitz - Getty Images
Photo credit: Jeff Kravitz - Getty Images

Dall'esordio con When We All Fall Asleep, Where Do We Go? che l'ha consacrata a livello mondiale, lo stile di Billie Eilish è sempre stato estremamente urban e oversize, con abiti larghi e comodi dagli accenni punk-emo nei capelli di mille tinte e gli accessori in pelle. Sulla nuovissima copertina di British Vogue però la cantante sovverte ogni abitudine: capelli biondi e lingerie in seta e latex, forme esaltate dallo storicamente controverso corsetto e sguardo sicuro in camera. Ciò che non è affatto cambiato e che si legge chiaro e tondo nell'intervista rilasciata da Billie Eilish, è la sua voglia di continuare a battersi per la body positivity e il pieno controllo del proprio corpo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La cantante da 45milioni di ascoltatori mensili su Spotify grida forte più che mai il suo messaggio di rinascita, per sé e per tutte le ragazze che la prendono come un modello, parlando dei disturbi alimentari di cui ha sofferto già a 12 anni, della negazione del proprio fisico che "era la ragione iniziale della mia depressione quando ero più giovane" fino alla ritrovata capacità di sentirsi meglio. Ecco perché vederla in versione Marilyn Monroe sulla copertina di British Vogue non ci ha fatto pensare allo scandalo, ma abbiamo visto nel suo nuovo taglio morbido e nella biancheria di seta, il manifesto di una giovane donna più consapevole di se stessa.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Improvvisamente sei un'ipocrita se vuoi mostrare la tua pelle, e sei una facile e sei una zoccola e sei una puttana. Se lo sono ne vado fiera. Io e tutte le ragazze siamo puttane, e fanculo, sapete? Capovolgiamone il significato e ritroviamoci più forti in questo. Mostrare la tua pelle - o non farlo - non dovrebbe toglierti alcun rispetto." ha raccontato Billie Elish nell'intervista senza filtri a British Vogue. La cantante classe 2001 sembra essere Happier Than Ever, come il titolo del suo prossimo album che uscirà il 30 luglio, del rapporto con il proprio corpo, da sempre sottratto all'occhio oggettificante dello showbiz e di una società patriarcale.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La sua filosofia? Libertà assoluta. Se vuoi mostrarti al naturale puoi farlo, così come puoi indossare un corsetto modellante, scoprirti, coprirti, sperimentare: "Si tratta di ciò che ti fa sentire bene. Se vuoi ricorrere alla chirurgia estetica, vai a farti operare. Se vuoi indossare un vestito che qualcuno pensa ti ingrassi, fanculo - se ti sembra di stare bene, stai bene". Questo è il nuovo potere magico di una Billie Eilish sempre più iconica, non solo perché assomiglia a Marilyn, ma perché ha gridato forte e chiaro il valore della libertà, commentando su Instagram un ribelle: "Amo queste foto e ho amato fare questo servizio. fai quello che vuoi quando vuoi. fanculo tutto il resto.".