Blitz di Sgarbi: "Butterò giù la statua di Benigni"

Blitz di Sgarbi: "Butterò giù la statua di Benigni" (Photo by Samantha Zucchi/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Blitz di Vittorio Sgarbi a Castiglion Fiorentino (Arezzo), il paese in cui c’è la statua dedicata a Roberto Benigni, nella frazione dove è nato. Il critico d'arte si è incontrato con il sindaco Mario Agnelli per poi fare una visita all'autore della statua, lo scultore Andrea Roggi con il quale si è soffermato a parlare, quindi si è recato al parco dove si trova la statua.

VIDEO - Chi è Vittorio Sgarbi?

Scherzando con alcuni residenti, Sgarbi ha finto il movimento di buttare giù la statua: "Prima o poi - ha detto sorridendo e scritto poi sui social - riuscirò a buttarla giù". La statua è stata di recente imbrattata da ignoti, con vernice rossa, e poi subito ripulita dal Comune. Il vandalismo, nei giorni scorsi, ha fatto ricordare a qualcuno che lo stesso Sgarbi, in tempi assolutamente precedenti al gesto di sfregio, aveva auspicato che la statua venisse rimossa per la sua 'inadeguatezza estetica'. Ma lo stesso critico su Twitter aveva scritto: "Chi l'ha imbrattata è un c.....e. Io avevo semplicemente detto di abbatterla". Dopo la visita nel paese aretino Vittorio Sgarbi ha proseguito il suo viaggio verso l'Umbria.

Intanto, Roberto Benigni ha telefonato all'autore della statua che è stata imbrattata con vernice rossa da sconosciuti e ripulita subito dopo dal Comune, per informarsi sulle condizioni dell'opera. Lo rende noto lo stesso scultore Andrea Roggi che nella sua pagina Facebook ha commentato la sorpresa fattagli dall'attore e regista premio Oscar con la telefonata.

GUARDA ANCHE - Sgarbi espulso e portato via di peso dalla Camera

"Benigni - si legge - ha contattato lo scultore per ringraziare delle parole spese a suo favore e per scambiare qualche aneddoto sulla loro terra natale. Per Roggi è stato davvero importante sapere che i ricordi dell'opera e di Castiglion Fiorentino siano ancora vividi nella mente del celebre attore. Inoltre, il maestro intende ringraziare anche tutti coloro che, per mezzo di commenti e condivisioni, hanno comunicato il relativo apprezzamento nel corso delle scorse giornate. Non esiste gratificazione più grande, per un artista, della consapevolezza che la propria opera abbia potuto raggiungere così tante persone".