I segreti di bellezza di Marilyn Monroe

Sarà per quell'aria che è un misto di sensualità e ingenua tenerezza o per elementi ben codificati, chi di noi almeno una volta non ha sognato di impersonare Marilyn Monroe? Ecco dunque alcuni dei segreti di bellezza di Marilyn...

>>Moda: omaggio a Marilyn

Capelli biondi
Quando Marilyn era una giovane modella, Emmeline Snively, proprietaria della Blue Book Agency, le disse che da bionda avrebbe avuto più ingaggi, perché i fotografi sarebbero riusciti a lavorare con la luce per cambiarle espressione. Da giovane, inoltre, l'idolo di Marylin era l'attrice Jean Harlow e anche questo alimentò il suo desiderio di un colore biondo platino praticamente perfetto e sempre a posto. Con il progredire della carriera, provò praticamente tutti i tipi di biondo inventati da Clairol: dorato, cenere, champagne, miele, ossigenato, fragola e platino, finché raggiunse l'apoteosi del suo essere Marylin con il biondo bianco.

>>Marilyn, un mito destinato all'eternità

Occhi seducenti
Era nota per gli occhi seducenti e una volta ammise di abbassare le palpebre poco prima che le scattassero una foto per rendere lo sguardo più misterioso. Il suo make up artist personale, Allan "Whitey" Snyder, studia nuovi effetti cosmetici rispetto a quelli in bìvoga in quel momento. L'ombretto ha una colorazione chiara mentre la riga di eyeliner è a pagoda, arrotondata al centro dell'occhio, discendente sull'angolo della palpebra e una leggera coda in chiusura. A enfatizzare ancor più lo sguardo, tanto mascara e ciglia finte: fu una delle prime donne a tagliarle meticolosamente a metà per applicarle solo agli angoli esterni.

>>Viaggi: un itinerario tra i luoghi dei film di Marilyn

La pelle
Erno Laszlo, uno specialista di Hollywood nella cura della pelle noto al grande pubblico e i cui prodotti erano usati da Marilyn Monroe, Audrey Hepburn e Ava Gardner tra le altre, fu colui che la seguì per tutta la vita. Anche Marilyn si legò a Laszlo, il cui sistema, tuttora esistente era molto complesso e comprendeva più fasi: la pelle era "tarata" sul livello di secchezza o grassezza, poi c'era un sistema di saponi a base di fanghi marini, trenta spruzzi di acqua tiepida, olio attivo Phelitil, un astringente con una miscela di cipria bianca per la notte, un astringente di colore diverso per il giorno insieme a vari idratanti per il giorno e la notte, una cipria leggera da mettere su tutto. Sia Marilyn che jackie adottarono con estrema fiducia questo metodo-trattamento di bellezza.

>>Marilyn Monroe: i film, lo stile, i look

I profumi di Marilyn
Rimasta mitica la risposta di che l'attrice diede a un giornalista che le le chiedeva con cosa indossasse per andare a dormire: due gocce di Chanel n.5. Questo era effettivamente il suo profumo. Oltre a Fracas e Joy.

>>Il nuovo testimonial di Chanel n.5? È Brad Pitt!

Fitness routine
Marilyn non andava in palestra, per ovvi motivi, ma un trainer le aveva insegnato a sollevare pesi e bilancieri, attività che eseguiva a casa, creandosi una vera routine di allenamento (cosa non così usuale per una donna degli anni Cinquanta e Sessanta) e poi correva ogni mattina per le strade di Beverly Hills. Ecco come Maryin descrive la sua fitness routine: «Tutte le mattine, dopo avere lavato denti e viso, mi sdraio per terra vicino al letto e inizio il primo esercizio, una semplice serie di esercizi di riscaldamento con un peso da tre chili. Mi sdraio sulla schiena e sollevo le braccia più in alto possibile. Poi sposto i pesi con movimenti circolari finché resisto, senza tenere conto e ritmo».

>>Tanti consigli per fare fitness

Abitudini alimentari
Marilyn non era una cultrice del cibo e quando cucinava o mangiava prediligeva cose semplici. A 26 anni in un'intervista confessò che a colazione si scaldava una tazza di latte nella stanza dell'hotel, vi rompeva dentro due uova, le sbatteva con una forchetta e beveva l'intruglio mentre si vestiva. Quando voleva dimagrire, seguiva un regime che oggi definiamo Dieta Atkins. A colazione toast, uova e pomplemo. A pranzo bistecca e insalata. Non abbandonò mai però gli alcolici, in particolare la vodka.

>>Scopri tanti altri segreti di bellezza di Marilyn

(a cura di Maria Maccari e Chiara Da Col)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli